“La Foresta incantata” di Marco Strano

di Martina Strano

CATANIA – Un altro mondo tutto da esplorare. Dalla terra al fuoco, attraverso i nostri mari ricchi di coralli, giungiamo adesso all’universo delle farfalle. Questo il motivo ispiratore della nuova collezione sposa 2016 “La Foresta incantata” firmata Marco Strano.

Del suo talento, della sua creatività, del suo amore per il made in Sicily vi abbiamo già parlato un anno fa, quando ci siamo occupati della sua collezione sposa 2015 “Qualcosa di rosso…”. Ancora una volta Marco Strano ha scelto di presentare i suoi abiti durante il salone  dedicato al mondo degli sposi “Sposinlove”.

Ampi Volumi realizzati con materiali impalpabili come il tulle di seta stampato a fiori dalle tenui tinte e il pizzo “Chantilly” francese, prezioso e sontuoso. Il pizzo Macramè in cotone si fonde col tulle siciliano conferendo preziosità e sensualità alle gonne dal sapore retrò. Le reti, realizzate a telaio con incrostazioni di macramè, sono splendidi prati dove nascono fiori realizzati in spago e filato di tulle. L’abito ” Foresta Incantata” emblema della collezione è un trionfo di il tulle leggerissimo riccamente ricamato da un volo di farfalle in morbida organza e in macramè.

«È una collezione diversa rispetto alle altre, ho aggiunto un po’ di romanticismo che nelle altre era un po’ più velato. – racconta lo stilista – L’anno scorso, finita la collezione, stavo guardando un documentario sulle farfalle e da lì è nata proprio l’idea. La sposa non deve mai sottovalutare la componente romantica e dolce del sogno dell’abito da sposa. La leggerezza e la preziosità dei materiali che ho utilizzato in questa collezione servono proprio ad accentuare questi concetti.»

Proprio come le farfalle in volo, le spose di Marco Strano mostrano orgogliosamente tutta la loro bellezza e la loro leggerezza. Spose eteree, romantiche, fluttuanti in un luogo incantato, quello delle favole.

 

Martina Strano

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

A proposito dell'autore

Martina Strano

La prima parola che ho insegnato a mia sorella che oggi ha 8 anni? Cardigan. Per me la moda è ispirazione, conoscenza, originalità e passione. Ed è di questo che amo scrivere. Amo raccontare senza alcun filtro ciò che vedo. Proprio come la Schiap, le due parole che non rientrano nel mio vocabolario sono Proibito e Impossibile. Ma sicuramente troverete spesso Louboutin e Chanel.

Post correlati

Scrivi