“Accorciamo le distanze”, la campagna nazionale di promozione del sostegno a distanza entra ufficialmente nel vivo. Promosso da ForumSad, finanziato da Fondazione con il Sud, stamattina il progetto è stato presentato in Sicilia, nella sede dell’Asa Onlus di Catania. L’associazione catanese è partner locale della campagna e partecipa con una delle azioni previste: si chiama “Sartorie inclusive”, la misura destinata a 10 giovani donne di età compresa tra i 15 e i 30 anni, con a carico figli minori, e volta all’inserimento occupazionale di una fascia debole e sensibile della società. Si tratta di donne ospiti in case-famiglia che avranno la possibilità di seguire un breve corso di formazione in sartoria e accessori moda, della durata di 60 ore, per favorire l’avviamento di attività di impresa “generatrice di reddito e creazione di partnership strategiche”. A questo scopo il progetto prevede anche l’acquisto di 3 macchine da cucire professionali.

«Lo scorso 20 novembre abbiamo inaugurato la campagna nazionale con un incontro in Campania – ha detto in conferenza Vincenzo Curatola, presidente di ForumSaD -. Ventisette in tutto i progetti in Italia, di cui 4 in Sicilia. Il nostro obiettivo – ha aggiunto – è promuovere, attraverso il sostegno a distanza, la cultura della solidarietà che passi attraverso progetti concreti in grado di aiutare le persone in difficoltà. L’inserimento al lavoro – ha concluso Curatola – è una delle strategie adottate».

E i rappresentanti delle associazioni coinvolte oggi erano presenti con i progetti e gli obiettivi prefissi, «che non abbiano una scadenza prestabilita, ma un termine naturale, al raggiungimento dell’indipendenza dei soggetti coinvolti», ha precisato la presidente di Asa Onlus, Marina Virgillito.

«È già entrato nel vivo il nostro progetto denominato “Avanti il prossimo” – ha detto Edoardo Barbarossa, presidente della “Fondazione Ébbene Onlus” –. Attraverso questa azione una famiglia diventa tutor di una famiglia disagiata. Sono circa una trentina i nuclei familiari già coinvolti fino a questo momento».

Anche “Lo Scoiattolo Onlus” partecipa alla campagna nazionale con il progetto “La distanza che unisce”: «Si tratta di un’iniziativa programmata in Cambogia, esattamente a Phonm – Penh. Il progetto prevede l’inserimento di 40 bambini ai quali verrà garantita istruzione» – ha spiegato Mary Primavera, dell’associazione “Lo Scoiattolo Onlus”.

Oltre all’Asa Onlus, alla “Fondazione Ébbene”, all’associazione “Scoiattolo Onlus”, partecipa alla campagna anche l’associazione “Alup Onlus” con il progetto “Adotta una stella cometa”.

Sono 25 le associazione, sul territorio nazionale, che insieme con ForumSaD hanno messo in piedi la campagna di solidarietà “Accorciamo le distanze”. Ventisette i progetti di sostegno: 5 in Puglia, 4 in Sicilia, 5 in Sardegna, 3 in Basilicata 1 in Calabria e 7 in Campania, “per dare un futuro a 2300 bambini e adulti in 19 Paesi del mondo”.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi