Vince l’Augusta ma il Catania C5 da segnali di risveglio. Non basta il buon gioco espresso dagli uomini di Cannavò che purtroppo pagano ancora una volta un calo fisico fisiologico nei momenti importanti della gara dovuto alla panchina ad oggi un po’ corta. 1-4 il risultato finale in favore dell’Augusta che conferma il suo buon momento ma ha dovuto faticare le cosiddette sette camicie per avere la meglio dei rossazzurri. Cannavò partiva con il roster classico con Marino tra i pali poi Fabinho davanti alla difesa con Mendes e Marletta esterni e Dalcin pivot, con il nuovo acquisto l’italobrasiliano Andrè in panca. Al Palanitta gli etnei hanno giocato un ottimo primo tempo, soprattutto nella primi dieci minuti di gara tenendo botta a Jorginho e compagni. Nel miglior momento però del Catania ecco la stoccata doppia dell’Augusta che bucava i rossazzurri in due minuti tra il nono e l’undicesimo minuto. Creaco da centrocampo e raddoppio di Scheleski mettevano il primo tempo in discesa per la formazione ospite nonostante anche un’ottima reazione degli uomini di Cannavò che sfioravano la rete.

Nella ripresa Catania in palla con cannavò che dava maggior minutaggio al neo arrivato Andrè. Proprio il brasiliano al sesto riapriva la gara con un bel gol che donava ossigeno ai rossazzurri. Augusta soffriva ma riusciva a trovare la stoccata del la sicurezza con il solito Jorginho che poi si faceva male. Qui gli etnei non mollavano e provavano anche a giocare in superiorità numerica con il portiere di moivmento: la squadra di Cannavò produceva molto sotto porta ma trovava un Soso in serata di grazia che chiudeva tutto. Nel finale sul massimo sforzo etneo per riaprire la gara il sigillo finale di Fortuna che chiudeva il match. Per la Catania C5 purtroppo ancora una sconfitta, ancora al Palanitta, ma segnali importanti in attesa dei necessari rinforzi sfruttando la sosta del campionato con all’orizzonte il match salvezza da vincere contro Catanzaro.

 

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi