“L’Amore come base della Creazione, come valore fondante di una vita degna di tale nome.” Sono alcuni passi che illustrano la silloge
“Il dono più grande”,(Radiusu edizioni) terza pubblicazione della poetessa e scrittrice Maria Luisa Torricelli. Il libro è stato presentato ieri al Castello di Leucatia (Catania) dall’autrice, dal prefatore ed editore Alfio Patti e da Santo Privitera, presidente del Circolo Culturale “Paternò Tedeschi” che ha organizzato la serata. La lettura dei alcun brani scelti è stata curata dalla dottoressa Rita Lacagnina. “Il dono più grande rappresenta un punto di arrivo di un mio percorso spirituale, emozionale e poetico – spiega l’autrice–  un immaginario itinerario dal mondo della mia giovinezza alla ricerca dei valori esistenziali.” Il libro segue di qualche anno le precedenti pubblicazioni “Come in un Caleidoscopio” (Firenze, 2009) e “Il sentiero delle Lucciole” (Firenze, 2011) in cui si è sviluppato questo percorso. Un pubblico emozionato ha apprezzato, tra le altre, la recitazione di alcune poesie accompagnate dalla proiezione di immagini. 98L’Amore per l’arte è uno dei segmenti a cui l’autrice ha dedicato delle liriche in cui esprime le sue emozioni per i capolavori dell’arte italiana: da Leonardo a Michelangelo, da Masaccio a Giorgione e ad altri pittori del nostro Ottocento.” Non a caso ho scelto il celebre affresco di Michelangelo, “La creazione di Adamo,” posto nella volta della Cappella Sistina, come copertina del mio libro – chiarisce ancora l’autrice –  perché tra le dita di Dio e di Adamo che si sfiorano sento soffiare l’alito leggero dell’Amore che genera la vita”.

Maria Luisa Torricelli è nata a Derna, in Libia, ed ha trascorso l’infanzia e l’adolescenza tra Caltanissetta e Tripoli, anni che hanno segnato profondamente il suo percorso spirituale. Rientrata in Italia all’età di 12 anni, ha vissuto in Piemonte e nel Lazio, stabilendosi definitivamente in Sicilia, in provincia di Catania, dove risiede. Docente di Lettere italiane e Storia, nelle scuole superiori, ha dedicato alla scuola ed ai suoi ragazzi profondo impegno umano e professionale. Nel 2009 ha pubblicato a Firenze la sua prima raccolta di poesie dal titolo “ Come in un Caleidoscopio” e, nel 2011, per la stessa casa editrice, la seconda raccolta “ Il sentiero delle lucciole”

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi