Si prospetta un 2016 intenso in casa rossazzurra…

di Gianluca Virgillito

“Anno nuovo, vita nuova” è solito dire quando ai primordi di un nuovo anno si sente il bisogno di un viscerale cambiamento al fine di migliorare la propria esistenza. Nessuna frase è allora più azzeccata di questa se si fa riferimento alla vita del Calcio Catania, investito negli ultimi tempi (fino a giugno, per intenderci) da una gestione scellerata che è costata il crollo dalla Serie A alla Lega Pro. Già dall’estate passata, subito dopo l’arresto di Pulvirenti, Cosentino e degli altri indagati dalla Procura di Catania nell’operazione “I treni del gol”, si è cercato di rimettere in piedi una realtà che drammaticamente ha rischiato di scomparire. Il lavoro di Bonanno, Pitino e Ferrigno è stato determinante in questo senso ma anche nella costruzione di una squadra a partire dalle fondamenta, con Pancaro al timone e tanti veterani della categoria pronti a dar battaglia per la causa rossazzurra. La vera svolta, però, passa inevitabilmente dal cambio in seno alla proprietà. La necessità di chiudere con il passato è forte, così come l’arrivo di una nuova ventata d’aria fresca che riporti in città entusiasmo e risultati. Pulvirenti sembra deciso a vendere, il gruppo Villar ha più volte manifestato la volontà di acquistare mentre la fiduciaria svizzera Integra Consulting SA sta alla finestra. Sarà un 2016 bollente, viste le premesse… tanto sul campo quanto fuori dal rettangolo verde che ormai da troppo tempo purtroppo non è l’unico protagonista alle pendici dell’Etna.

Il nostro amico Turi Distefano ha tracciato per Sicilia Journal un breve bilancio del 2015, proiettandosi con ottimismo al futuro. Di seguito il video:

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi