Primo appuntamento con la stampa del 2016 per il tecnico del Catania, Pippo Pancaro, intervenuto in conferenza stampa per presentare il match di sabato prossimo al “Degli Ulivi” contro la Fidelis Andria ma anche per raccontare il momento vissuto dai suoi ragazzi, con il mercato che ha già portato un nuovo tassello alle pendici dell’Etna. Queste le dichiarazioni del mister:

“Abbiamo chiuso bene l’anno vincendo l’ultima partita, per cui il morale è alto e siamo pronti ad affrontare la prossima partita con il massimo impegno. La sosta è stata importante per recuperare qualche calciatore acciaccato e per lavorare sulla preparazione fisica dei ragazzi.

Di Cecco è un calciatore importante che possiede tutte le caratteristiche che cercavamo. Può giocare contro l’Andria sia dall’inizio che a partita in corso. Aggiunge qualità al nostro organico. Anche Castiglia è recuperato e finalmente rientra in gruppo. Per Parisi invece ci vorrà ancora un po’, Plasmati sta molto meglio rispetto alla fine del 2015. 

Andria? Un avversario che merita rispetto e che soprattutto in casa subisce pochissimo. Sarà una partita difficile contro una squadra compatta, composta da un mix di giovani ed esperti. Noi però andremo in campo come sempre per vincere.

Con i punti che abbiamo a disposizione, vincendole tutte potremmo anche raggiungere un piazzamento playoff, l’obiettivo però rimane la salvezza per il momento: devo essere realista, la penalizzazione è troppo pesante. Il nostro lavoro è finalizzato a creare le basi per vincere l’anno prossimo. Nei prossimi mesi comunque guarderemo la classifica e con serenità vedremo se sarà possibile puntare a qualcosa di più. 

In porta giocherà Liverani. L’assenza di Agazzi non mi preoccupa: ho un organico importante che mi permette di scegliere serenamente.

Mercato? Non mi interessa. Lavoro con i calciatori che la società mi mette a disposizione. Sono contento di quello che ho”. 

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi