FB_IMG_1452202006090

Paternò – Il Geosito delle Salinelle in zona ‘acque grasse’ è in piena attività.

Un fenomeno di vulcanismo spettacolare, quello creato dai piccoli vulcanetti dalle cui viscere ribolle gas che va a mescolarsi al fango.

Un vulcanetto si è aperto direttamente in strada: fuori dal recinto che delimita il perimetro dell’area, per una fenditura che, squarciando l’asfalto, ha fatto sgorgare una copiosa quantità di acqua mista a fango che ribolle in superficie, e nell’esondare l’acqua fangosa ha invaso parte delle strade attigue allo Stadio Comunale, spazio destinato al mercato degli ambulanti per tre giorni a settimana.

FB_IMG_1452202045634

Nelle fasi di silenzio dell’Etna, vedere “in azione” le Salinelle significava essere certi che da lì a poche settimane, il vulcano avrebbe ripreso la sua attività. 

Le due attività eruttive, quella del vulcano e quella delle Salinelle sembrano essere correlate, al punto da affibiare alle Salinelle il  potere di predire le evoluzioni dell’Etna.

FB_IMG_1452202037738

Le Salinelle costituiscono un patrimonio naturalistico che da secoli viene studiato da ricercatori e curiosi.

 “Fonte Maimonide”, “Salinelle del Fiume”, “Collina storica” e “Salinelle dei Cappuccini”, fanno parte del catalogo dei Geositi, i luoghi di interesse geologico  di tipo “vulcanologico e geochimico” riconosciuti e tutelati dalla Regione Siciliana.  

L’esondazione in corso, dei vulcanetti, attrae ancora una volta i cittadini meravigliati e gli studiosi che tengono sotto osservazione il sito, lo stesso Sindaco di Paternò, Mauro Mangano, si è recato personalmente a verificare le manifestazioni del fenomeno vulcanico e lo stato delle strade.

FB_IMG_1452208989249

Una ditta autorizzata dal Sindaco ha iniziato l’attività di pulizia e rimozione del fango dalle strade invase, al fine di evitare rischi alla viabilità. Si spera che l’attività si stabilizzi.

È  avvenuta appena un mese fa, la comunicazione ufficiale, da parte della Regione, del riconoscimento formale dei “vulcanetti” di fango quale area da valorizzare e proteggere.

FB_IMG_1452209004708

Un successo dell’Amministrazione con a capo Mauro Mangano,  che è riuscita a ridare dignità ad un luogo che in passato era abbandonato all’inciviltà.

Paternò può, finalmente, sfruttare appieno le potenzialità delle Salinelle, poiché l’iscrizione nel catalogo dei Geositi significa avere la possibilità concreta di accedere ad importanti finanziamenti, con l’obiettivo di valorizzare ancor di più questo grande patrimonio naturalistico.

Il riconoscimento della rilevanza “mondiale” e “nazionale” dei quattro Geositi testimonia che essi sono indispensabili alla comprensione scientifica del territorio dell’Etna e dell’evoluzione del nostro territorio. Speriamo che questi Geositi con i fenomeni attualmente in corso diventino motivo di incremento turistico eco-compatibile.

Anna Agata Mazzeo

 

 

 

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi