Natale fatale. Il Mascalucia non riesce a dimenticare la sconfitta di Coppa Italia contro la Mabbonath e perde la seconda gara in due giorni contro un motivato United Capaci. Nonostante l’assenza di Torcivia, i padroni di casa riescono ad ottenere il bottino pieno, complice un crollo degli etnei, nel secondo tempo, che costa il primo posto e la serie di vittorie consecutive in campionato.

La prima frazione si apre all’insegna dell’equilibrio, con entrambe le squadre in palla. A passare in vantaggio sono i padroni di casa con Intravaia, ma la reazione ospite non tarda ad arrivare, con il Mascalucia che pareggia i conti con Gianluca Marino. Neanche il nuovo vantaggio dei gialloblu, ad opera di Montevago, demoralizza Mangano e compagni, che pareggiano nuovamente, stavolta con Gigi Marchese. Sul punteggio di 2-2, il Capaci arretra e il Mascalucia prova più volte a dare una sterzata alla gara, senza però riuscire a centrare lo specchio della porta. Quando il primo tempo sembra concludersi sul giusto pari, il Capaci approfitta di un errore biancoblu e si riporta avanti con il 3-2 di Giacomo Catalano.

Nella ripresa, arriva subito il gol della doppietta di Intravaia, cui replica immediatamente Davide Di Mauro, che accorcia il punteggio e tiene viva la gara del Mascalucia sul 4-3. A questo punto, i catanesi lasciano troppo spazio all’iniziativa casalinga e il Capaci ne approfitta, chiudendo la gara con la doppietta di Restivo e il terzo gol di Intravaia. Il triplice fischio manda tutti negli spogliatoi con un 7-3 che brucia a Zinna e giocatori, adesso non solo a tre punti dalla Regalbuto, ma a solo due lunghezze di vantaggio dalla coppia United Capaci – Mabbonath (vittoriosa per 6-5 sulla Peloritana). Sabato prossimo, a Mascalucia, arriverà la Regalbuto prima in classifica e urge concentrazione. I biancoblu devono lasciarsi questi tre giorni neri alle spalle e sanno bene che la tranquillità è la chiave che potrebbe far sì che questo periodo rimanga solo una brutta parentesi

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi