CATANIA – Secondo il vicesindaco le informazioni richieste da “Casa x tutti” sono “già di dominio pubblico da tempo” e “la sensazione è che si cerchi soltanto di ottenere spazio sui media senza produrre alcun reale beneficio per le tante famiglie che si trovano, drammaticamente, senza casa”

“Non si capisce bene quale fosse il loro scopo visto che le informazioni da loro richieste sono già di dominio pubblico da tempo”.
Così il vicesindaco Marco Consoli ha commentato la “occupazione” per un paio d’ore di una ventina di persone dell’Ufficio casa del Comune di Catania da parte di un’organizzazione che si definisce “Comitato di lotta per la Casa x tutti”, che ha poi abbandonato gli uffici all’arrivo della polizia e dopo un colloquio con l’assessore ai Lavori pubblici Luigi Bosco.
“Ho parlato con una loro delegazione – ha spiegato Bosco – ribadendo quello che da tempo è possibile apprendere dai documenti che si trovano sul sito del Comune di Catania, ossia che attualmente la Direzione Lavori pubblici ha in corso due appalti, uno per 16 alloggi sul viale San Teodoro i cui lavori finiranno il 26 luglio di quest’anno e un’altro per 24 su viale Moncada i cui lavori finiranno il 24 gennaio del 2017. Domani, 13 gennaio, saranno invece aperte le buste per un appalto da 96 alloggi da realizzare, in due anni, nel cosiddetto Palazzo di cemento, sempre a Librino. Sta inoltre per essere appaltata una gara per altri 24 alloggi. Ovviamente dopo il termine dei lavori dovranno essere considerati tempi tecnici di tre o quattro mesi per collaudi, richieste di allaccio ai servizi e catastazioni”.
E’ stata anche annunciata una richiesta di accesso agli atti, che peraltro, come detto, sono già pubblici.
“La sensazione – ha commentato Consoli – è che si tratti di azioni dimostrative per fare clamore e che si cerchi soltanto di ottenere spazio sui media ma senza produrre alcun reale beneficio per le tante famiglie che si trovano, drammaticamente, senza casa. L’Amministrazione intanto, come da indicazione del Sindaco, sta facendo tutto il possibile e con la massima celerità”.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi