Codici Onlus, Codici Ambiente e Codici Sicilia ammessi come parti civili dal Tribunale di Agrigento nel processo per la tragedia di Macalube.

AGRIGENTO – Macalube è il luogo dove hanno trovato la morte due bambini di Aragona, Carmelo e Laura Mulone,  di  9 e  7 anni, a causa  del ribaltamento di una collina di vulcanelli. Il sito era gestito da Legambiente e sono  stati rinviati a giudizio per il reato di omicidio colposo Fontana Domenico,  Gucciardo Daniele e Gendusa  Francesco. Subito dopo il fatto Codici Sicilia presentava un  esposto alla Procura  della Repubblica di Agrigento chiedendo accertarsi eventuali responsabilità.
Ivano Giacomelli, Giovanni Crimi e Manfredi Zammataro, rappresentanti delle tre Associazioni, dichiarano che la sicurezza e la tutela delle persone devono prevalere sugli altri interessi a cui mirano i soggetti preposti alla gestione dei luoghi visitati dal pubblico e si adopereranno in futuro per segnalare e denunziare, nelle sedi più opportune,  situazioni che potrebbero costituire un pericolo per la pubblica e privata incolumità.
Fatti come quelli che hanno colpito così duramente la famiglia Mulone con la perdita di due figlioletti  non dovrebbero verificarsi e le Associazioni contribuiranno con la loro attività, per quanto possibile, a prevenire altre disgrazie simili.
Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi