Ferrigno sul mercato: “Lulli e Russo saranno ceduti, Barisic vicino al Messina. Giannone? Lo seguiamo ma ci sono anche altre piste”.

di Gianluca Virgillito

Giornata di presentazione per il nuovo centrocampista del Catania, Domenico Di Cecco, intervenuto in conferenza stampa assieme al direttore sportivo Marcello Pitino e al collaboratore dell’area tecnica Fabrizio Ferrigno. Si è parlato nell’occasione anche di mercato e del futuro.

“Quello di gennaio sarà un mercato mirato a migliorare e non riparare – ha esordito Pitino – l’acquisto di Di Cecco ne è la conferma. Parliamo di un calciatore che ha una carriera importante alle spalle. Pessina? Siamo ai dettagli, tra oggi e domani dovrebbe essere a Catania. Il nostro dovere è quello di cercare di vincere tutte le partite, ovviamente non sempre si riesce. L’obiettivo rimane la salvezza, poi se accadesse il miracolo… di certo a noi non dispiacerebbe. Per Monzon e Leto ci sono trattative in corso, sono calciatori che a Catania non troveranno spazio ma vogliamo comunque monetizzare al massimo”.

Ferrigno parla di mercato e programmazione societaria. “Barisic vicino al Messina, la trattativa dovrebbe andare in porto nel corso della prossima settimana. La società sta programmando per il futuro per vincere, anche per questo Di Cecco ha firmato un contratto di 18 mesi. Giannone? Lo stiamo seguendo, così come altri profili che ci interessano. Russo e Lulli andranno via, hanno giocato poco e sono richiesti. Per noi si tratta comunque di cessioni eccellenti”.

Di Cecco racconta le sue prime emozioni, dalla scelta di vestire il rossazzurro all’arrivo a Torre del Grifo. “Non mi aspettavo una chiamata da parte di una squadra importante come il Catania e questa per me, che ho 32 anni, è l’opportunità della vita – ha affermato il duttile calciatore – Non ho pensato alla classifica quando ho deciso di accettare la proposta della società, sono qui per vivere alla giornata. Sono convinto di aver fatto la scelta giusta, ho trovato una squadra importante, un ambiente incredibile. Sono stato colpito da Torre del Grifo e dall’organizzazione della dirigenza, sembra di essere in una squadra di Serie A. Il gruppo è già forte, io sono qui per dare una mano e per mettere la mia esperienza a disposizione della squadra.

Negli ultimi anni ho giocato sempre come mezzala a sinistra, solitamente cerco di dare equilibrio alla squadra dal punto di vista tattico, comunque è quello il ruolo in cui mi trovo meglio ed il modulo con cui sono abituato a giocare è il 4-3-3.

In Lega Pro spesso non vince la qualità, credo sia più importante avere fame ed essere una squadra cinica, per questo motivo dobbiamo sempre giocare con la giusta determinazione.

Contro l’Andria non abbiamo fatto male, affrontavamo un avversario tosto e abbiamo cercato di fare il possibile, soprattutto nel secondo tempo, per portare la vittoria a casa. Personalmente sono contento che Pancaro mi abbia schierato dal primo minuto, non sono uno di quei calciatori che crea problemi negli spogliatoi: ogni volta che sarò chiamato in causa cercherò di farmi trovare pronto”.

(foto da calciocatania.it)

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi