GRAVINA DI CATANIA – gangiE’ iniziato con l’energia ed emozione dirompente del suono delle chitarre di Marcello Cappellani e Roberto Salerno il 2016 di Classica Internazionale, stagione concertistica del Comune di Gravina di Catania diretta dalla pianista e insegnante del conservatorio Bellini, Giulia Gangi.

Le melodie delle note composte da Vivaldi, Boccherini, Mertz, Granados, Cardoso, Falla, Gnattali, Monti, suonate con tocco leggero ma deciso delle dita, hanno riempito il teatro Musco della cittadina ai piedi dell’Etna, trasmettendo ai presenti vibrazioni interiori e coinvolgimento. 

Ogni appuntamento di Classica Internazionale onora infatti, sia i compositori delle melodie proposte al pubblico, sia i vari interpreti, che, ognuno con le proprie caratteristiche e ruolo, celebra un inno alla Musica e al territorio siciliano ricco di storia.

 Un importante percorso quello di Classica Internazionale, ormai giunta alla XII edizione, che, sottolinea la Gangi “è ricca di appuntamenti e personaggi di rilievo, che si dall’inizio hanno sposato la mia iniziativa in nome solo della Musica e della Cultura, il tutto per allietare non solo i cultori della materia ma soprattutto per trasmettere tale passione ai giovani, che, sono sempre numerosi ai vari incontri”.

E numerosi sono gli appuntamenti di questo mese di gennaio, che vede protagonisti STJEPKO GUT MEETS TRITON JAZZ TRIO (Venerdì 15 Gennaio 2016 ore 20.30) RAFFAELE TERLIZZI al pianoforte (Domenica 17 Gennaio 2016 ore 19) il giovane tenore Lorenzo Licitra accompagnato al piano dal maestro Peppe Arezzo (Venerdì 22 Gennaio 2016 ore 20.30) Oksana Svekla al pianoforte interpreta un programma tutto al femminile supportato dalla musicologa Anna Maria Sollima (Domenica 24 Gennaio 2016 ore 19)
Questo mese di gennaio con i suoi diversi incontri, spazierà infatti dal jazz alla musica da camera, sino all’opera e al pop, vuole essere di buon augurio per il 2016, confermando come il programma di Classica Internazionale, silicitraa diversificato e dedicato a più fasce d’età, e come la musica possa essere momento di condivisione.
Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi