“Siamo pronti ad una protesta forte, siamo pronti a far sentire le nostre ragioni con una certa energia. Non ci arrenderemo e presto torneremo in Prefettura. Contestiamo con forza i licenziamenti”.
 
 I rappresentanti sindacali della Myrmex hanno nuovamente scelto di non sottoscrivere il verbale dell’incontro tenutosi stamattina all’Ufficio provinciale del lavoro tra l’azienda e Cgil, Filctem, Uil e Rsu.
 Il verbale negativo rappresenta ancora una volta la risposta sindacale al rifiuto dell’azienda di prolungare la fase negoziale. Secondo i sindacati, il prolungamento avrebbe potuto rappresentare una buona occasione per rilanciare la trattativa. Intanto, è sempre più vicina la scadenza dell’8 febbraio, data nella quale scatterà il licenziamento definitivo dei ricercatori del laboratorio d’eccellenza. Dopo non sarà possibile usufruire di alcun assegno di ammortizzatore sociale.
 
Cgil, Filctem, Uil e Rsu hanno ribadito anche oggi la richiesta di dettagli organizzativi a proposito del progetto di ricerca in corso con il MIUR, finanziato con fondi europei; progetto che l’azienda assicura di poter mantenere in vita per almeno cinque anni, così come è stato richiesto dal Ministero. I sindacalisti si chiedono come sarà possibile per l’azienda portare a termine gli obiettivi di ricerca con soli tre dipendenti (due dirigenti Senior Scientist e un legale). L’azienda ha risposto che i progetti sono da ritenere conclusi e che l’attività successiva riguarderà solo le ricadute industriali. 
 
Per i sindacati, la vertenza Myrmex “risulta oggi sempre più complessa e dolorosa per i lavoratori, e ciò anche per responsabilità di un management locale che nel tempo non ha adottato un comportamento trasparente per ciò riguarda le reali intenzioni dell’azienda”.
 
Adesso un’altra tappa ufficiale è attesa dai lavoratori: un altro confronto al Ministero dello Sviluppo economico. All’incontro di oggi erano presenti, per l’azienda i delegati Celeste e Munzone, assistiti dall’avvocato Giacometti, per i sindacati, il segretario generale Cgil Giacomo Rota, la segretaria generale della Cgil Margherita Patti, il segretrio generale della Filctem Peppe D’Aquila, il segretario provinciale Filctem Giovanni Romeo, il segretario provinciale della Uil, Alfio Avellino, e i rappresentanti RSU Cisal e Cgil, Nuccio Canarelli e Giovanni Cantone.
 
RMDN

 

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi