“Sono da sempre un grande tifoso dell’Inter, oltre ad essere anche un appassionato di fotografia e video. Ho messo insieme i miei interessi ed è nato il fenomeno Biapri”. Si racconta ai microfoni della nostra redazione, Biagio Privitera, fotografo e tifoso sfegatato dell’Inter oltre ad essere presidente della Federazione Italiana di Othello e protagonista della rubrica di commento del campionato di Serie A per la nostra testata, il cui canale youtube ‘Biapri’ è sempre più popolare soprattutto tra i tifosi nerazzurri. Siciliano, costretto però per molti anni all’estero per lavoro, dal 2010, dopo il rientro in Italia, segue la sua squadra del cuore in casa e in trasferta, in campionato e in coppa, quando si vince e quando si perde. Seconda squadra del cuore, il Catania, relegato in Lega Pro dopo le vicende della scorsa estate che hanno visto coinvolto il patron Pulvirenti.

“Ho cominciato a far video quando ancora non esisteva neanche You Tube – ci dice sorridendo Biagio Privitera – Ricordo l’emozionante finale di Coppa Uefa della mia Inter contro la Lazio. Già in quell’occasione ne feci uno e da allora utilizzo sempre lo stesso format per tutti quelli che produco. Da premettere, io vivo a Roma e faccio parte di un Inter Club della capitale. Nei video racconto il viaggio per arrivare allo stadio, aggiungo delle foto di gruppi di tifosi e poi mostro delle immagini dalla curva o dal settore in cui mi trovo. A parte la sana competizione, il mio scopo è quello di porre l’accento sulla sportività e sul rispetto dell’avversario. 

Ho avuto subito un buon seguito, devo dire. Ho aperto una pagina su Facebook, ‘I video interisti di Biapri” che ad oggi è seguita da circa 6000 persone. Sono davvero felice degli attestati di stima che mi arrivano non soltanto dai tifosi dell’Inter ma anche di sostenitori di altre squadre che mi seguono con affetto. Spesso nei vari stadi mi riconoscono e mi salutano facendomi i complimenti, segno che ciò che faccio è apprezzato dalla gente.

Episodi strani negli stadi? Ho tanti ricordi che mi fanno sorridere, ogni partita è un’esperienza. San Siro è uno stadio unico, le tifoserie di Inter e Milan sono tra le più sportive nel nostro Paese. Non tutti i campi però sono come quello di Milano, in alcuni posti piuttosto che in altri si ha quasi paura ad affrontare una trasferta, spero che presto questo possa finire. Per fortuna non ho mai visto episodi di violenza dal vivo, ricordo soltanto un incontro ravvicinato con dei tifosi della Juve con cui però non successe nulla e una incandescente finale di Coppa Italia contro la Roma”.

Quest’anno l’Inter sembra potersi candidare tra le pretendenti allo scudetto. Poi c’è il Catania, retrocesso in Lega Pro…“In questo campionato di Serie A stanno andando fortissimo Napoli e Juventus, non so se l’Inter è pronta per lo scudetto, vedo ancora i bianconeri come favoriti, soprattutto dopo il filotto di successi consecutivi dei torinesi. La Roma è rimasta indietro, il Milan non sembra competitivo e perdonatemi se dico che non mi dispiace… (sorride). Il tifoso nerazzurro è abituato ad accettare il risultato del campo, non è disfattista ed è contento quando vince. Gufare gli avversari non fa parte del nostro modo di fare.

Il Catania? Viene subito dopo l’Inter, è la mia seconda squadra del cuore. Quest’estate mi sono preso un dispiacere incredibile nel vedere la società retrocessa in Lega Pro”.

Non solo calcio, ma anche musica e othello tra gli “hobby” di Biapri. “Tra le mie passioni anche la musica e l’othello, sicuramente. Quando posso vado a vedere qualche concerto e ovviamente anche in queste occasioni realizzo dei video che pubblico sempre su youtube. A capo della Federazione Italiana di Othello invece posso dire di essermi preso parecchie soddisfazioni. I giocatori della nostra Italia ottengono ottimi risultati a livello internazionale ed anche entro i nostri confini questo gioco sta crescendo vertiginosamente. Spero possa arrivare sempre più in alto..”

 

 

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi