Il Messina va in trasferta a Cosenza per disputare la 21^ giornata del girone C di Lega Pro. Il match cambia dopo 7 minuti dal fischio di iniziale di Strippoli: Martinelli, da ultimo uomo, controlla male un passaggio e perde la sfera ai danni di Arrighini, l’attaccante cosentino tenta di fuggire via palla al piede ma viene leggermente strattonato dall’ex difensore, l’arbitro giudica l’azione come chiara occasione da goal ed espelle Martinelli. Di Napoli ricorre ai ripari e sostituisce Salvemini con Genny Russo. Il Cosenza passa in vantaggio al 14′ con Arrigoni, il numero 4 rossoblù impatta alla perfezione, da fuori area, una palla ribattuta sugli sviluppi di una punizione laterale. Il Messina non si da per vinto e raggiunge il pareggio al 28′: Fornito calcia una punizione dal settore di sinistra, il primo ad arrivare sullo spiovente in area è Burzigotti, il colpo di testa del centrale biancoscudato batte Perina. Cinque minuti più tardi è ancora il Messina a provarci, Fornito va al tiro dalla distanza, l’estremo difensore rossoblù si salva in angolo. Al 39′ Vutov colpisce di testa da posizione invitante, Berardi blocca in sicurezza. Sul finire della prima frazione grande occasione per i padroni di casa, è sempre Vutov a rendersi pericoloso: Corsi fa partire il cross dalla destra, il bulgaro opta per la conclusione al volo che termina di poco a lato. Il Messina parte forte nel secondo tempo, andando vicino al goal con Giorgione. Il capitano biancoscudato va al tiro da calcio piazzato, concesso al limite dell’area, ma la sfera viene deviata dalla barriera e termina di poco a lato. Sul conseguente corner è Baccolo a rendersi pericoloso, Perina sventa il pericolo. Si esalta anche Berardi, decisivo il colpo di reni con il quale toglie da sotto la traversa il colpo di testa di Cavallaro. I padroni di casa riescono a trovare la rete del vantaggio, dopo diverse occasioni, sugli sviluppi di un calcio d’angolo grazie al colpo di testa di Blondett. La partita viene chiusa da La Mantia esattamente cinque minuti più tardi, cioè al 68′, quando il calciatore subentrato a Vutov colpisce alla perfezione di testa il suggerimento di Pinna. Causa anche la stanchezza la gara si spegne, il Messina non riesce più a rendersi pericolo e il Cosenza amministra il risultato.

Cosenza: Perina, Corsi (89′ Di Nunzio), Pinna, Arrigoni, Tedeschi, Blondett, Criaco, Fiordilino, Arrighini (70′ Statella), Vutov (56′ La Mantia), Cavallaro. A disposizione: Saracco, Di Somma, Ventre, Caccetta, Minardi, Parigi. Allenatore: Giorgio Roselli.

Messina: Berardi, Barilaro, De Vito, Baccolo (74′ Scardina), Martinelli, Burzigotti, Fornito, Giorgione, Tavares, Gustavo (56′ Barisic), Salvemini (12′ Russo Genny) A disposizione: Addario, Mileto, Fusca, Russo Giuseppe, Masocco, Zanini, Biondo. Allenatore: Raffaele Di Napoli

Arbitro: Giuseppe Strippoli di Bari

Assistenti: Luigi Lanotte e Salvatore Marco Dibenedetto di Barletta

Marcatori: 14′ Arrigoni, 28′ Burzigotti, 63′ Blondett, 68′ La Mantia

Ammoniti:  13′ Baccolo, 33′ Corsi, 45′ Burzigotti, 49′ Arrigoni, 72′ Criaco, 85′ Russo

Espulsi: 7′ Martinelli

Angoli: 11-3 per il Cosenza

Recupero: 1′ nel primo tempo e 3′ nel secondo tempo. (fonte acrmessina.it)

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi