MISTERBIANCO − Anche quest’anno si è chiuso il premio letterario indetto dall’associazione culturale “Graziella Corso” anno scolastico 2015 – 2016.

Il premio è rivolto agli alunni delle terze medie che amano scrivere e che hanno voglia di esternare le emozioni più intime. La scrittura come terapia è l’anima del premio, la scrittura come veicolo per mettere a nudo la propria anima e “confessare” ciò che ci teniamo dentro. – dichiara l’autore Francesco Manna, presidente dell’associazione – Non a caso, ho iniziato a scrivere il mio primo libro ad una settimana esatta dalla scomparsa di mia moglie. Mentre scrivevo piangevo e a volte sorridevo nel ricordare episodi di vita vissuta con lei. Alla fine della stesura, mi sono reso conto che scrivere mi aveva aiutato a lottare e, a continuare a vivere.

Due gli istituti scolastici che hanno aderito all’iniziativa, l’Istituto Leonardo Sciascia con la dirigente Sabina Maccarrone e l’Istituto Leonardo Da Vinci con la dirigente Caterina Lo Faro.

Ben sette le classi che hanno partecipato, con 28 elaborati ammessi alla finale.

“I sogni” di Jennifer Cicero ad unanimità della giuria è stato l’elaborato vincitore, alla quale il presidente, Francesco Manna, ha consegnato il premio di 300 euro, mentre i due attestati di merito sono andati a “Per sempre” dell’alunna Chiara Marcodini e “Normal People sacre me” di Clarissa Pandolfo. Mi sono rivista adolescente – ha detto Agata Sava, vicepresidente dell’associazione, per l’occasione in veste di giurato e presentatrice. – Spesso noi adulti, anche nell’esternare le emozioni le condizioniamo, le raccontiamo come ci fa più comodo, invece la spontaneità dei ragazzi è disarmante e schietta. Ho rivissuto attraverso i loro elaborati il mio primo amore, le prime amicizie i sogni e l’ignoto del futuro.

Il premio si è svolto nei locali dello storico stabilimento di Monaco a Misterbianco, che lo scorso anno ha visto nascere il premio stesso ospitandolo per la prima volta.

Durante l’evento si sono esibite le ragazze del coro dell’istituto scolastico L. Da Vinci giostrate magistralmente dalla prof.ssa Giovanna Gullotta. Le soliste hanno spaziato nel pentagramma canoro da Celine Dion, Sting, Lennon.

Momenti di commozione alla lettura dei primi tre elaborati, tra le lacrime dei ragazzi vincitori e l’interpretazione del poliedrico Mimmo Santonocito, personaggio amato dal paese per i suoi libri sulla storia e le origini di Misterbianco nonché le opere teatrali che lui stesso scrive e musica. Grazie ragazzi avete reso le mie serate di Natale più belle, – questo è stato il commento del prof.re Angelo Battiato, membro della commissione esaminatrice – sono zio di un adolescente e mi sento vicinissimo a voi. Assente giustificata, l’insegnante Maria Grazia Fazio, anche lei membro esaminatrice degli elaborati.

Sono orgoglioso di aver fatto parte di questa iniziativa, ringrazio Francesco Manna, per avermi coinvolto, – aggiunge L’assessore alla cultura di Misterbianco Giuseppe Condorelli – vedere il volto di questi ragazzi, oggi, raggiante di gioia ci ripaga dal lavoro che abbiamo svolto per esaminare gli elaborati. Non è stato semplice – aggiunge – quando ne devi scegliere solo uno devi leggerli e rileggerli tantissime volte per poter scegliere con serenità.

I 28 elaborati andranno a formare il secondo volume di un quaderno antologico edito dalla casa editrice Book Sprint edizioni che già ha pubblicato il primo.

L’associazione culturale “Graziella Corso” dà appuntamento a giugno quando, nella seconda edizione dell’evento “I misterbianchesi si raccontano” consegnerà il quaderno antologico agli alunni vincitori.

 

 

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi