Ancora una vittoria e i giustizieri di questa domenica sono Di Piazza e Madonia. Un successo pesante come un macigno perchè conquistato contro una diretta concorrente nella lotta per la permanenza nella categoria e i tre punti in classifica hanno un effetto più che positivo visto che la squadra al momento è fuori dalla lotta playout; per gli amanti dei numeri va detto che per la prima volta in questa stagione, allo stadio Esseneto, l’Akragas regola gli avversari con due reti di scarto e per la prima volta, dopo ventidue gare, ottiene un calcio di rigore. Numeri importanti come le quattro vittorie consecutive e numeri che non trovano riscontro negli spettatori paganti di questa domenica: appena 690. La formazione di Rigoli, anche contro l’Ischia conferma il buon momento ottenendo il massimo risultato al termine di una prestazione fatta di sacrificio e determinazione; nel fango dell’Esseneto il risultato è stato sempre nelle mani dei biancoazzurri che hanno faticato più del dovuto nel cercare le geometrie per via del terreno di gara ma, andati in vantaggio con Di Piazza ben imbucato in area di Zibert, tutto è diventato più facile. Dopo un palo di Kanoute, il migliore dell’Ischia, la squadra biancoazzurra mette al sicuro l’incontro grazie ad un rigore magistralmente calciato da capitan Madonia. Con le due reti nella prima frazione di gara, nella ripresa si è assistito ad un monologo ospite e non poteva essere diversamente ma l’Akragas ha punto con le ripartenze che diventano, domenica dopo domenica, una micidiale arma tattica. Archiviata questa sfida, domenica impegno in quel di Andria contro una formazione temibilissima che all’andata costrinse l’Akragas alla prima sconfitta davanti i propri sostenitori. (fonte ssakragas.it)

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi