ACI CATENA − Alla presenza della cittadinanza, sono state attivate tutte e 4 le Case dell’acqua,  realizzate all’interno del servizio di efficientamento della rete idrica comunale, avviato dal Comune in partenariato con la società Telereading.

Il primo impianto è stato quello di piazzetta Cubisia, inaugurato dal sindaco Ascenzio Maesano e dal direttore delegato di Telereading Giuseppe Mammana. A tagliare il nastro della Casa dell’acqua l’assessore alla Pubblica Istruzione Rossella Strano, che ha poi inserito la card apposita nell’erogatore per riempire le caraffe d’acqua refrigerata naturale e  gasata, poi offerte ai presenti.

Nel parcheggio davanti la Villa comunale, è stato Bartolo Tagliavia, del Movimento Cinque stelle, a tagliare il nastro del il 2° impianto, in rappresentanza dei cittadini. È stata poi la volta degli impianti di San Nicolò, dove il nastro è stato tagliato da Melina Sgarlata, componente di Alba Nuova, e di Aci San Filippo alla presenza, fra gli altri, del consigliere Francesco Grasso. Queste due Case dell’acqua si trovano rispettivamente in via Santi Bonaccorsi e in via Leonardo Sciascia.

Ciascun impianto può arrivare ad erogare fino a 600.000 litri di acqua l’anno ed è stato dotato di  scivola d’acceso per i disabili, davanti alla quale sono stati posti dei dissuasori di sosta, in modo da consentire a tutti l’accesso autonomo alla casa dell’acqua. Tutti gli impianti saranno operativi dalle dalle 4 alle 2, quindi praticamente H24 e nell’orario di chiusura, scelto nelle ore notturne per limitare al minimo i disagi, avverrà la sanitizzazione automatica.

Il servizio sarà erogato mediante una card attraverso cui il cittadino potrà usufruire gratuitamente di 14 litri di acqua naturale refrigerata alla settimana. Oltrepassata questa soglia l’acqua naturale verrà erogata a 4 centesimi a litro, mentre quella gasata refrigerata, avrà comunque un costo di 6 centesimi al litro. L’attivazione della card sarà possibile  per tutti i cittadini residenti nel comune di Aci Catena o se non residenti, se utenti dell’acquedotto comunale.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi