Trapani atteso dal posticipo della ventisettesima giornata del campionato di Serie B. Contro il Perugia, nella seconda trasferta consecutiva dopo quella di Chiavari contro l’Entella, l’opportunità di riscattare la sconfitta senza attenuanti subita in terra ligure. Molte assenze pesanti tra squalificati e infortunati, ma determinazione e carattere dovranno essere ingredienti sufficienti per fare bella figura contro la squadra umbra. A commentare, come sempre, il momento vissuto dalla formazione granata allenata da mister Serse Cosmi, l’amico ed esperto di calcio Titta Mustazza:

“Sinceramente non mi aspettavo questa debacle del Trapani in Liguria contro la Virtus Entella, credevo sarebbe stata una partita combattuta ed equilibrata. Ovviamente l’espulsione nelle prime battute di Fulignati ha inciso nell’economia del match, ma anche la difesa nell’occasione non si è disimpegnata bene. La formazione iniziale non mi dispiaceva, con il 3-5-2 si potevano mettere in difficoltà gli avversari anche se al posto di un Citro evanescente delle ultime uscite avrei schierato Petkovic dal primo minuto. In effetti il suo ingresso nella ripresa, forse un po’ tardivo, ha dato alla squadra qualcosa in più. Al posto di Montalto, dopo l’espulsione del portierino granata avrei tolto proprio Citro, per sfruttare le doti fisiche del primo in un momento di grossa difficoltà con la squadra in inferiorità numerica. Mi sento di salvare Nizzetto, che ha lottato per tutta la partita, anche quando il risultato era ormai irrecuperabile.

Spero non ci siano contraccolpi psicologici sui ragazzi. A Perugia sarà una gara difficile contro un avversario tosto. Sono convinto che Cosmi saprà scuotere la squadra trovando una reazione importante. Mancheranno Fulignati e Perticone, espulsi a Chiavari, oltre ad Eramo, Ciaramitaro e Barillà. Rientrano invece Fazio, Scozzarella e Coronado. 

Il margine dalla zona playout è ancora rassicurante ma non bisogna abbassare la guardia. La tifoseria vuole vedere una squadra che giochi col sangue agli occhi e poi si accetta qualsiasi risultato, prove come quelle di Brescia e con l’Entella sono mortificanti”.

 

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi