CALTANISSETTA – Si è concluso il primo ciclo di incontri formativi per i docenti delle scuole siciliane che hanno aderito al programma di educazione ambientale “Scopri-Tarta”, coordinato per la Sicilia dal Libero Consorzio Comunale di Agrigento nell’ambito dell’azione E3 del progetto comunitario LIFE+ “Tartalife -Riduzione della mortalità della tartaruga marina nelle attività di pesca professionale”. Come nelle prime tre giornate a Palermo, Agrigento e Siracusa, anche nell’aula magna dell’Istituto Comprensivo “Don L. Milani” di Caltanissetta i docenti referenti delle scuole del Nisseno hanno potuto conoscere meglio i contenuti del progetto comunitario, illustrati nella parte generale dallo staff del Settore Ambiente del Libero Consorzio e nella parte scientifica dalla biologa Daniela Freggi, una delle più note esperte di tartarughe marine.

L’esperienza in problemi di conservazione degli ambienti marini e la ricchezza di video e immagini nel corso della presentazione della dott.ssa Freggi hanno destato notevole interesse nei docenti, pronti a coinvolgere le numerose classi di istruzione primaria e secondaria di primo grado che hanno aderito al programma, e che parteciperanno con i loro elaborati al progetto-concorso, che ha lo scopo di far conoscere meglio i problemi di conservazione della Tartaruga marina Caretta caretta nel Mediterraneo. Problemi legati soprattutto al forte impatto della pesca e alle oltre 130.000 catture all’anno che rischiano di portare all’estinzione questa specie nel giro di pochi anni, nonostante l’aumentata sensibilità dell’opinione pubblica e il ruolo di attrattore turistico che riesce a svolgere nelle località in cui viene accertata la sua regolare nidificazione.

Prosegue, dunque, l’impegno del Libero Consorzio di Agrigento nello sviluppo di questo importante progetto finanziato dall’Unione Europea, che ha nel CNR-ISMAR di Ancona l’ente capofila, e che ha confermato l’esperienza professionale acquisita dal Settore Ambiente dell’ex Provincia Regionale nei vari LIFE ai quali ha partecipato negli ultimi anni, in particolare in quelli che hanno avuto come tema la protezione e la conservazione della biodiversità marina.

 

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi