Giuseppe Maggiore

Giuseppe Maggiore

CATANIA − I finanzieri del Comando Provinciale di Catania hanno tratto in arresto un catanese per traffico di stupefacenti e proceduto al sequestro di 25 Kg di hashish del tipo pakistano.

Ancora una volta è stata fondamentale l’intensificazione dei controlli di polizia presso i luoghi particolarmente sensibili per gli illeciti traffici, quali la stazione ferroviaria, l’aeroporto e, in questo caso e come già accaduto, il casello autostradale di San Gregorio di Catania. Così, nel corso di un servizio a contrasto del traffico di droga svolto nei giorni scorsi presso il citato casello, i militari del Nucleo di Polizia Tributaria hanno fermato e sottoposto a controllo una Toyota Yaris con a bordo quattro soggetti, di cui due donne, notando, sin da subito, chiari segni di nervosismo da parte del conducente della stessa, identificato in Giuseppe Maggiore (classe 1965).

In considerazione delle contraddittorie dichiarazioni rese dal Maggiore alle domande di rito, i finanzieri hanno condotto un più approfondito controllo dell’autovettura che consentiva di rinvenire all’interno del portabagagli un trolley contenente lo stupefacente, confezionato in 25 panetti da un chilo ciascuno.

Una volta scoperto, il cinquantunenne catanese si autoaccusava del trasporto della droga, così come poi confermato anche dagli ulteriori accertamenti svolti dalle Fiamme Gialle e sulla scorta dei quali si è proceduto all’arresto del solo Giuseppe Maggiore.

L’hashish sequestrato, verosimilmente destinato al mercato etneo, avrebbe fruttato, al dettaglio, circa 250.000 euro.

Continuano così le attività della Guardia di Finanza di Catania a contrasto degli illeciti traffici, che hanno già consentito, negli ultimi mesi, di trarre in arresto complessivamente 12 trafficanti e sequestrare oltre 100 kg di sostanze stupefacenti di vario tipo.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi