Chiara D’Amore

Foto servizio di Vincenzo Musumeci

CATANIA – Una sinergia di colori, musiche e parole per dipingere il rosso del fuoco ed evocare i suoni della poesia , ma soprattutto per promuovere un’arte libera e fuori dagli schemi. La redazione del Sicilia Journal si è infatti trasformata in sacro tempio dell’arte per promuovere un’iniziativa a sostegno di una forma d’espressione creativa e capace di emozionare.

È stata infatti inaugurata ieri, venerdì 18 marzo, la Mostra Internazionale di Mail Art “La montagna del mito: dal fuoco alla poesia”, manifestazione che ha visto l’esposizione di opere provenienti da tutto il mondo. Un movimento artistico in continua espansione quello della Mail Art che nasce negli anni ’50 e comincia sin da subito ad annoverare appassionati e artisti capaci di esprimere il proprio estro tramite l’utilizzo di buste da lettera, cartoline e collage. Un’arte poco conosciuta nel panorama catanese che si impone così come centro avanguardista e di sperimentazione grazie a degli artisti che utilizzano in chiave moderna degli strumenti di comunicazione che fanno parte del nostro passato.

Tante le opere d’arte  presentate, che hanno segnato un percorso che procede dai colori caldi della montagna per arrivare ad affondare le radici nel mito, in un impasto di colori e influenze artistiche contrastanti.  Un’ esperienza che ha incuriosito i presenti grazie anche all’intreccio di suoni e parole, in una contaminazione tra musica e letteratura che ha rappresentato un cammino sensoriale che, partendo dalla visione dell’immagine, è approdato in altri spazi emozionali. La voce di Cinzia Sciuto, erede di Rosa Balistreri, ha infatti accompagnato i presenti in un’atmosfera senza tempo, quella della tradizione della musica popolare siciliana,  mentre il suono dell’hang di Armando Xibilia ha fatto da sottofondo alla lettura di alcuni classici della letteratura decantati da Giuseppe Condorelli, poeta e assessore alla cultura di Misterbianco.

“Con la Mail Art, noi di Sicilia Journal abbiamo promosso – orgogliosi di essere i primi in Sicilia – un’arte lontana dagli schemi per dimostrare quanto sia importante divulgare anche nella nostra terra nuove forme artistiche” dichiara Katya Maugeri, curatrice della mostra e redattrice del Sicilia Journal, “la Mail Art è una forma originale di libertà espressiva, e adesso più che mai abbiamo bisogno di libertà e di creatività

L’evento, presentato dal direttore del Sicilia Journal Daniele Lo Porto, ha visto la partecipazione di tanti appassionati d’arte ma anche di molte personalità, tra cui Carmelo Sergi, segretario di “Sicilia Mondo”, Giuseppe Lo Porto di “SiciliAntica” e Teodora Grazia Marletta, editrice del Sicilia Journal. La mostra ha rappresentato poi anche un’opportunità per apprezzare la cultura gastronomica di Scardaci, da ottanta anni a Catania.

La mostra sarà visitabile fino al 30 marzo.
Orari di apertura:
Lun/Sab: 17.30-20.00

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi