CATANIA – Stamani si è svolta la prima udienza  al Tribunale di Catania tra il Comune di Mascalucia e la società calcio Catania s.p.a. per il mancato rispristino dell’impianto di Massanunziata, in via Mascalucia, “Turi Guglielmino”, usato per anni dalla società Calcio Catania s.p.a per le proprie attività sportive.

Sono stati assegnati  i termini di rito per la relazione delle successive memorie. La causa è stata rinviata per il proseguo il prossimo 14 settembre.
I danni  causati dalla mancata custodia dell’impianto comunale da parte del Calcio Catania erano stati quantificati in 350.000 euro, perché l’impianto era stato completamente vandalizzato. L’allora presidente Nino Pulvirenti aveva assunto l’impegno con l’assessore allo Sport e al Contenzioso, Fabio Cantarella, che il club etneo avrebbe ripristinato quando danneggiato o distrutto per una “questione d’ immagine del Calcio Catania”. La disponibilità di Pulvirenti era poi venuta meno in seguito alle vicende giudiziarie dell’estate scorsa, sia calcistiche che della magistratura ordinaria. In tutti i modi il Comune di Mascalucia aveva tentato di evitare il ricorso alla giustizia proponendo una bonaria conclusione della vicenda che, invece, adesso in base alla resistenza della nuova dirigenza seguirà i tempi lunghi della giustizia.
Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi