Nel posticipo della ventinovesima giornata il Foggia batte i rossazzurri con il risultato di 3-0.

di Gianluca Virgillito

FOGGIA – Nessuna sorpresa. Il Foggia nel posticipo della ventinovesima giornata del campionato di Lega Pro strapazza il Catania. 3-0 il risultato finale, ampiamente meritato per i satanelli che trascinano i rossazzurri dritti dritti all’inferno. Una prestazione da dimenticare per il sodalizio etneo, una tattica sbagliata quella di Moriero, con la squadra che non riesce quasi mai a rendersi particolarmente pericolosa allo “Zaccheria”. Gara impostata sul contenimento e sulle ripartenze, troppo poco per creare grattacapi ad un avversario determinato e tecnicamente importante. La classifica in zona playout non subisce modifiche sostanziali. Nel prossimo weekend, contro la Lupa Castelli Romani, tre punti da conquistare contro il fanalino di coda del Girone C.

LA GARA

Moriero mischia le carte viste le assenze di Bombagi e Calil per squalifica ma anche di Parisi e Plasmati infortunati, proponendo un Catania con diverse novità nell’11 iniziale per la sfida dello stadio “Zaccheria”. Liverani in porta. Difesa rocciosa. Pelagatti a destra, Bergamelli sulla corsia mancina con Ferrario e Bastrini centrali; in mediana giocano Di Cecco e Castiglia mentre alle spalle di Lupoli ecco il trio Falcone, Russotto e Calderini. Nel Foggia, De Zerbi non può contare sullo squalificato Angelo. Narciso difende i pali dei pugliesi. Difesa a 4 composta da Loiacono, Coletti, Gigliotti e Di Chiara. A centrocampo, nel 4-2-3-1 disegnato dal mister, Agnelli e Vacca arretrati; Chiricò, Sarno e Floriano alle spalle dell’unica punta Iemmello, vero e proprio spauracchio e calciatore d’altra categoria.

Prime fasi di gioco che mettono subito in evidenza il Foggia, desideroso di vincere per rilanciare le proprie ambizioni d’alta classifica. Il Catania prova ad essere ordinato ripartendo e cercando di pungere al momento giusto. La tattica di Moriero però trova subito un ostacolo, al 13′, quando Floriano deposita in rete realizzando l’1-0 dopo la conclusione velenosa di Sarno. Non c’è reazione, non ci sono occasioni degne di nota per gli ospiti che anzi rischiano più volte il tracollo (Iemmello grazia i rossazzurri). A centrocampo gli uomini in maglia bianca vengono surclassati dagli inserimenti di Vacca, Floriano e Sarno che tra le linee trovano sempre vita facile.

Nella ripresa Moriero prova sin da subito a cambiare le carte in tavola mandando in campo Musacci per uno spento Lupoli cambiando dunque modulo e passando al classico 4-3-3. I padroni di casa rispondono con Gerbo per Floriano. Latitano  le occasioni da gol nei primi minuti. Il copione comunque è lo stesso di quello del primo tempo. Solo Falcone e Russotto ci provano timidamente. Il Foggia invece ha ancora voglia e forza a sufficienza per rifilare altri gol ai rossazzurri. Al 73′ il solito Iemmello realizza il 2-0 bevendosi la difesa e superando Liverani che capitola ancora anche sette minuti più tardi, quando Agnelli fa impazzire il pubblico con un pallonetto dalla distanza che si infila sotto l’incrocio. A nulla servono gli inserimenti di Garufo e Nunzella, mentre per gli avversari Sainz-Maza e Riverola si confermano riserve di spessore. Prima del fischio finale,  proprio con Sainz-Maza e Iemmello, il passivo potrebbe anche diventare più pesante. Finisce però 3-0. Risultato che ben rispecchia i valori visti in campo.

TABELLINO

FOGGIA-CATANIA 3-0 13′ Floriano, 73′ Iemmello, 80′ Agnelli

FOGGIA (4-2-3-1): Narciso; Loiacono, Coletti, Gigliotti, Di Chiara; Agnelli, Vacca; Chiricò (Riverola 78′), Sarno (Saniz-Maza 67′), Floriano (Gerbo 53′) ; Iemmello. A disp.: Micale, Lauriola, Agostinone, Quinto, Lodesani, Arcidiacono,  De Gennaro. All.: De Zerbi

CATANIA (4-2-3-1): Liverani; Pelagatti (Garufo 62′), Bastrini, Ferrario, Bergamelli (Nunzella 78′); Di Cecco, Castiglia; Falcone, Russotto, Calderini; Lupoli (Musacci 46′). A disp.: Bastianoni, Nunzella, Agazzi, Pessina, Felleca, Gulin. All.: Moriero

ARBITRO: Giua di Pisa; ASSISTENTI: Marco Bresmes (Bergamo) e Francesco Oliviero (Ercolano)

AMMONITI: Lupoli, Coletti, Gigliotti, Bergamelli

ESPULSI:

CRONACA

90’+3: Termina il match. Foggia batte Catania 3-0

90′: Conclusione da dimenticare per Castiglia. Tre minuti di recupero

87′: Ancora Foggia. Iemmello fallisce il 4-0 e la doppietta personale

84′: Il neo entrato Sainz-Maza tira dalla distanza; Liverani devia in corner

80′: Tris rossonero. Gloria anche per Agnelli che con un pregevole pallonetto dalla distanza supera un colpevole Liverani

78′: Nel Foggia Riverola per Chiricò. Il Catania risponde con Nunzella per Bergamelli

73′: Raddoppio del Foggia: lancio per Iemmello che si beve la difesa e supera Liverani in uscita

71′: Ammoniti Bergamelli e Gigliotti dopo alcune scaramucce in area rossazzurra

67′: De Zerbi replica spedendo in campo Sainz-Maza per Sarno

62′: Moriero gioca la seconda sostituzione. Garufo per Pelagatti per spingere di più sugli esterni

61′: Intervento facile di Narciso sul rasoterra di Russotto

60′: Liverani blocca una conclusione di Gerbo

56′: Foggia vicinissimo al raddoppio. Gran tiro di Iemmello ma la mira è imprecisa

53′: De Zerbi sostituisce l’autore del gol, Floriano, con Gerbo. 4-3-3 anche per i satanelli

51′: Primo, timido tentativo per il Catania con Falcone che spara alto il pallone dal cuore dell’area di rigore

46′: Comincia il secondo tempo. Tra le fila dei rossazzurri Moriero manda in campo Musacci per Lupoli. 4-3-3 per il Catania

45′: La prima frazione di gioco si conclude con una conclusione pericolosa del Foggia che finisce però sul fondo

41′: Gigliotti dalla distanza mette i brividi a Liverani. La sfera si perde comunque di poco alta sopra la traversa

40′: Catania mai pericoloso nel corso dei primi 40 minuti del posticipo

39′: Ammonito Coletti per il Foggia

32′: Il Catania soffre maledettamente. Loiacono da posizione defilata conclude mandando fuori il pallone

30′: Punizione per i rossoneri: Iemmello tenta una sforbiciata che Liverani para senza problemi

28′: Ammonizione per Lupoli dopo un fallo in attacco

25′: Chiusura difensiva importante da parte di Ferrario sul cross basso di Floriano

19′: Ancora padroni di casa in avanti. Sarno pennella per Iemmello che non riesce a centrare la porta

15′: Il Catania non riesce a reagire, satanelli in pieno controllo

13′: Foggia in vantaggio. Floriano realizza l’1-0 avventandosi sulla sfera prima di Liverani in seguito all’incrocio dei pali colpito da Sarno con una fantastica conclusione a giro dalla distanza

10′: Floriano cerca l’inserimento, chiude Ferrario

3′: Il Foggia prova ad aggredire gli avversari sin dalle prime battute. Percussione centrale, Pelagatti chiude e sventa il pericolo

1′: Comincia il match. Prima, un minuto di raccoglimento per la scomparsa di Cesare Maldini, colonna portante del movimento calcistico italiano

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi