Bisogna guardare avanti con fiducia e con lo stesso entusiasmo di sempre. La sconfitta di domenica scorsa allo Sperone contro Messina ha reso il cammino dell’Amatori Catania maggiormente complicato e difficile. L’obiettivo finale, per conquistare la massima serie, ha bisogno adesso di un accelerata importante, con il classico “filotto” che possa consegnare certezze, speranza e rinnovato entusiasmo. Terzo posto in classifica per l’Amatori, sette le lunghezze di distanza dalla capolista Civitavecchia e cinque i punti che separano gli etnei dal secondo posto occupato dal Benevento. Proprio contro i campani potrebbe essere decisiva l’ultima gara, quella del 1 maggio, che si disputerà al Paolone, ma prima gli uomini di Ezio Vittorio devono pensare a vincere le altre.

 Cominciando con la sfida contro Colleferro, squadra ostica e arcigna, battuta nel match d’andata, 19-22, con grande sofferenza dovuta all’uomo in meno per l’Amatori e con un drop di Borina da urlo. Bisogna ritrovare proprio quella rabbia, quella voglia di buttare oltre l’ostacolo qualsiasi difficoltà del periodo e qualsiasi rallentamento dovuto alla stanchezza o ad uno scarico mentale il più delle volte fisiologico. Ritrovare l’anima Amatori Catania, il carattere e la forza dei suoi uomini di mischia, e la velocità e il saper fare gioco facendo male agli avversari. I numeri ad oggi non aiutano con il terzo posto e una sola vittoria nelle ultime quattro gare, ma conforta l’eventuale arrivo a pari punti con l’Amatori Messina visto il vantaggio che i catanesi hanno negli scontri diretti.

 Insomma un passo alla volta, ma con l’Amatori Catania che deve assolutamente rialzare al testa, stando sul pezzo, tentando poi il tutto per tutto in quel di Civitavecchia il 17 aprile nel prossimo turno di campionato. Urge però vincere e l’occasione di domani contro Colleferro è troppo ghiotta per non disperdere ulteriori e decisive occasioni.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi