PALERMO – “Il governo della Regione siciliana non ha assolutamente intenzione di presentare modifiche alla norma sull’elezione dei sindaci metropolitani. Anzi, resisteremo nel giudizio di fronte alla Corte costituzionale se Roma decidesse di impugnare la legge, ma per ora non abbiamo ricevuto alcuna nota da Palazzo Chigi”.

Lo dice il governatore della Sicilia, Rosario Crocetta, a proposito della norma, approvata dall’Ars nei giorni scorsi, che stabilisce l’elezione dei sindaci che dovranno guidare le città metropolitane di Palermo, Catania e Messina, mentre la legge Delrio assegna il ruolo direttamente ai sindaci dei capoluoghi.

Crocetta ha anche replicato al presidente dell’Ars Giovanni Ardizzone: “Se l’Assemblea siciliana vuole presentare e approvare la modifica della norma che sancisce l’elezione dei sindaci metropolitani faccia pure, il governo è contrario e difenderà il testo già varato dall’aula salvaguardando così peraltro l’autonomia del nostro Parlamento regionale che si è espresso dando l’ok”.

 

(fonte ANSA)

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi