CALTANISSETTA – “Giovanni Brusca dice tutto lui, sa tutto lui, ma nessuno di noi sa niente. Questo è un inventore, si inventa le cose, è uno che ha ucciso molte persone. Io lo conosco perché sono di Corleone, lui di San Giuseppe Jato e avevamo dei terreni confinanti. Di altro non so”.

Così il boss Totò Riina ha risposto alle domande dei difensori di Cosimo D’Amato, Giuseppe Barranca e Cristofaro “Fifetto” Cannella, imputati al processo d’appello bis per la strage di Capaci, in corso in corte d’assise d’appello a Caltanissetta.

“Di tutte queste cose io non so niente”, ha aggiunto quando gli chiedevano di un incontro con Brusca in cui si sarebbe parlato dell’esplosivo per l’attentato a Falcone.  Brusca aveva dichiarato che era stato Riina stesso a dirgli che parte dell’esplosivo era stato procurato dai fratelli Graviano, boss palermitani di Brancaccio.

(fonte ANSA)

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi