“Incontri alle Stelline” ospitano l’ex governatore della Regione Siciliana e senatore della Repubblica Totò Cuffaro, che lunedì 2 maggio alle h. 18:30, presenterà il suo terzo libro “L’uomo è un mendicante che crede di essere un re” (Aliberti compagnia editoriale) a Palazzo delle Stelline, corso Magenta n°61.

Durante l’evento, moderato dalla giornalista Giuliana Avila Di Stefano, interverranno Maurizio Lupi, capogruppo parlamentare Area Popolare, Sergio Scalpelli, direttore Relazioni esterne di Fastweb, lo spazio dello stesso autore e le domande del pubblico.

E’ il figlio Raffaele che ha scritto la toccante prefazione del nuovo lavoro editoriale di Cuffaro, che completa la trilogia del “santuario delle sbarre”, come definisce il carcere l’ex politico che ora si dedica solo all’altro e alla sua famiglia, che non ha mai smesso di sostenerlo e aspettarlo.

cece078d6473c614b89c0300b06a43c9_w600_h_mw_mh_cs_cx_cyLa postfazione è della radicale Rita Bernardini, con un titolo-paradosso sulla precarietà/grandezza dell’uomo, scritto come i precedenti per sopravvivere alla dura prova e accendere una luce sul mondo delle carceri.

Totò Cuffaro, ha scritto nei cinque anni di detenzione per “favoreggiamento aggravato a Cosa Nostra e rivelazione di segreto istruttorio”, “Il candore delle cornacchie” (2012) e “Le carezze della nenia” (2014).

“L’uomo è un mendicante che crede di essere un re” è un libro ricco di fede e sostenuto dalla Passione e dalla speranza, dove non mancano le citazioni e riflessioni, che, aiutano a comprendere il dramma dell’uomo “amato, odiato e bistrattato” e il suo ritorno alla “luce” avvenuto il giorno di Santa Lucia, 13 dicembre 2015, che riconsegna una persona non solo colta, ma generosa e semplice, lontana dal “vasa vasa e vassoio di cannoli”.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi