“La riapertura dello stabilimento ex Fiat di Termini Imerese segna, proprio all’indomani della festa del Primo Maggio, un bel segnale per tutti i lavoratori e la fine di un incubo durato 5 anni” dice Michela Giuffrida, europarlamentare Pd.

“Entro il 2016 – prosegue Giuffrida – torneranno a varcare i cancelli dello stabilimento 250 addetti per arrivare al pieno riassorbimento entro il 2018 di tutti i lavoratori dello stabilimento. È l’ennesimo segnale di concretezza e vicinanza del Governo, che si somma ai Patti per Catania e Palermo appena siglati dal Presidente del Consiglio. Il piano Blutec, con l’impegno assunto a ferragosto di due anni fa da Matteo Renzi dopo anni di false promesse e tentativi falliti – continua l’eurodeputato del Pd – è stato mantenuto e oggi dà nuova speranza ad uno dei poli industriali più importanti della nostra Isola. Ora tocca a Gela e agli altri centri dove l’occupazione ruota quasi esclusivamente attorno a queste realtà datoriali. Il rilancio del Sud – sottolinea Giuffrida – deve passare infatti, necessariamente, anche dalla riconversione per la rinascita dei suoi principali poli industriali, incrementando le alleanze con i centri accademici di ricerca. Sviluppo, riconversione, riqualificazione che, uniti alla ricerca – conclude Giuffrida – sfociano in una parola che deve essere il nostro obiettivo quotidiano: innovazione. Per il rilancio del Sud e per colmare i ritardi siciliani”.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi