VILLAROSA (ENNA)  – La polizia di Stato ha eseguito un’ordinanza agli arresti domiciliari per nove indagati accusati di fare parte di un gruppo con base a Villarosa (Enna) dedito allo spaccio di droga. I destinatari sono: Giuseppe Indelicato, di 28 anni, i fratelli gemelli Luigi e Michele Sarra Minichello, di 23, Angelo Stagno, di 20, Carmelo Paternò, di 23, Giuseppe Burgarello, di 26, Paolo Tittito, di 20, Santo Bencivinni, 32 e Salvatore Fiandaca, di 28. A quest’ultimo il provvedimento è stato notificato in carcere dove era già detenuto. Al centro dell’operazione ‘Black Sheep’ indagini avviate dal commissariato di Nicosia nel 2014 sull’approvvigionamento e lo spaccio di droga a Villarosa.
Gli indagati usavano un linguaggio criptico quando parlavano di ‘affari’ facendo riferimento a “motorini” o “testata” e “cilindro”, per parlare di tipo e quantità di droga da vendere, acquistare o trasportare. La presenza di agenti era segnalata con una frase standard: “ci sono i cani, quelli buoni di fuori”.

(Fonte: Ansa.it)

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi