Ci sarà anche una delegazione di cento agricoltori siciliani guidati da Rosa Giovanna Castagna presidente regionale della CIA Sicilia che giovedì 5 maggio manifesteranno a Roma per chiedere al Governo e all’Unione europea di dare risposte a vecchie e irrisolte problematiche, come l’asfissiante burocrazia che penalizza il settore. Inoltre, gli agricoltori rivendicano interventi di aiuto per i prezzi dei prodotti agricoli in caduta libera; le vendite sottocosto, gli investimenti bloccati e le innovazioni tecnologiche al palo. Ribadiscono la necessità di una reale tutela del Made in Italy; l’attuazione di politiche efficaci contro la cementificazione del suolo e l’abbandono delle aree rurali. “Quando gli agricoltori protestano – sottolinea Castagna –  non stanno difendendo solo la propria categoria ma tutelano i milioni di consumatori che dei loro prodotti sono destinatari”. “Queste problematiche  impongono un nuovo sistema di relazioni di filiera fondato sull’equità e che riconosca il ruolo basilare della produzione agricola; la situazione è ormai insostenibile – continua il presidente della CIA Sicilia –  aggravata anche dai ritardi nei pagamenti relativi alla Pac 2015 (una azienda agricola su quattro attende ancora la liquidazione) e  si innesta anche in una fase dove i prezzi all’origine delle produzioni agricole nazionali stanno registrando i minimi storici”. “Protesteremo – conclude Castagna – anche contro l’inefficienza di Agea e gli insostenibili prezzi bassi all’origine”.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi