di Carmelinda Comandatore

Era partito lo scorso 13 aprile il concorso, lanciato da Hotel Info, “Top Coste Italiane 2016”, che invitava i suoi utenti a votare la propria “regina delle coste”. Un emozionante viaggio lungo tutto lo stivale, che ieri ha decretato Sciacca vincitrice di questo seguitissimo contest on line.

Sciacca, città di ceramiche, acque termali, spiagge e carnevali, ha conquistato così il podio, scalzando altre 24 bellissime location sul mare, come Maratea e Scilla, che si sono aggiudicate rispettivamente il secondo e terzo posto.

Le 25 città in gara sono state selezionate tra i molti centri abitati che sorgono lungo le coste italiane. Sono state scelte città turistiche sul mare, con un numero compreso tra 5.000 e 50.000. Il contest Top Coste Italiane 2016 fa parte del progetto più ampio Top City Award 2016, di portata internazionale.

Come un anfiteatro sul mare, Sciacca guarda a sud all’isola di Pantelleria e oltre Italia, verso Tunisi. Famosa per le sue meravigliose spiaggie, ma anche per le terme, utilizzate fin dal tempo dei romani. Nel Medioevo i religiosi dell’eremo di San Calogero le utilizzavano per curare gli infermi, oggi sono il luogo ideale per rilassarsi dopo una giornata di sole, mare e sabbia. Sciacca è anche una delle capitali internazionali della ceramica : le sue maioliche sono famose in tutto il mondo.

Tappa obbligata, per chi visitala città dell’agrigentino, sono le grotte vaporose di San Calogero, che secondo la leggenda vennero costruite da Dedalo, il creatore del labirinto del Minotauro.

Una città multicurale, che racconta attraverso le sue chiese la sua storia e le sue contaminazioni. La chiesa di San Nicolò Latina, ad esempio, racconta l’influenza dell’architettura arabo-normanna e l’arte siculo bizantina. Ricordiamo anche il Duomo, Palazzo San Giacomo, la Torre del Pardo e il Castello Vecchio, eretto insieme alle prime mura della città durante l’invasione dei normanni.

 

Carmelinda Comandatore

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi