Corsa disperata verso i playoff. Il Trapani di Serse Cosmi prova a giocare al meglio le proprie carte in queste ultime giornate del campionato di Serie B, alla ricerca di un piazzamento favorevole per gli spareggi promozione. Un sogno che si alimenta, di settimana in settimana e che neanche il pareggio con il Novara, amaro perché la classifica avrebbe sorriso in modo forse definitivo alla truppa granata visti i risultati delle dirette concorrenti, ha saputo scalfire. E l’entusiasmo della squadra e della città non viene meno neanche quando gli acciacchi si fanno sentire, come nel caso di Pektovic o di Citro, a cui aggiungere Coronado, tutti calciatori importantissimi per la fase offensiva dei siciliani che non stanno benissimo ma che continuano a stringere i denti. Nessun problema, comunque, perché dal cilindro il timoniere perugino, quel mister Cosmi che ha saputo tirar fuori quest’anno il meglio da ogni suo atleta, saprà sfoderare soluzioni adeguate. Allora ecco che la trasferta del Trapani a Vercelli, contro la Pro, in lotta per la salvezza, assume i connotati della gara da giocare col coltello tra i denti. Soffrire, come sempre, e cercare di portare a casa tre punti pesantissimi. Il calendario non sorride né piange, la formazione del presidente Morace ha in mano il proprio destino per questo finale.

Come al solito, commenta per Sicilia Journal le vicende trapanesi, il tecnico Titta Mustazza:

“Pareggio amaro quello ottenuto in casa con il Novara, ma che non ha penalizzato il Trapani. Per fortuna tutte le inseguitrici hanno pareggiato nello scorso turno. Certo, un successo davanti al pubblico di casa in una giornata favorevole avrebbe alimentato ulteriormente l’entusiasmo, ma sono convinto che sia stato un risultato positivo alla fine. Cosmi al termine della gara ha detto che è orgoglioso di questi ragazzi che sanno anche soffrire nei momenti chiave delle partite, ed è così.

In vista della Pro Vercelli le condizioni di alcuni calciatori mi preoccupano. Non so se Petkovic, Citro e Coronado saranno schierati in campo, ma spero che almeno uno di loro possa recuperare ed esserci dall’inizio. In attacco, comunque, le alternative non mancano. Cosmi potrebbe optare per un assetto più difensivo, un 3-5-1-1 con Nizzetto dietro l’unica punta. Oppure potrebbe essere chiamato in causa Montalto. Le alternative ci sono, e tutti hanno  dimostrato di essere sul pezzo in questo frangente. 

Sarà partita vera a Vercelli, ci sarà anche qui da soffrire. Tre punti sarebbero fondamentali in ottica terzo posto. Anche la quarta posizione sarebbe un vantaggio. Tabelle, incroci da evitare, calendari da tenere sotto controllo. Temo lo Spezia, che ha tre partite relativamente facili. Bari e Pescara non sono avversari da niente. Avere il vantaggio del miglior piazzamento sarebbe una manna dal cielo. 

Mi auguro che gli acciaccati recuperino al più presto la migliore condizione per poter poi giocarsi le partite clou. 

Designazione arbitrale? Nasca di Bari è stato scelto per la partita del Trapani, credo sia stato inopportuno designare un arbitro che per un motivo o per un altro dovrà fare i conti con la pressione degli addetti ai lavori. Il Bari è in lotta per i playoff proprio come i granata…”

Intanto per la trasferta piemontese sono stati convocati 23 calciatori. Ci sono tutti, ad eccezione di Ciaramitaro, squalificato.

PORTIERI‬: 1. Nicolas, 12. Geria, 31. Fulignati;
‎DIFENSORI‬: 2. Perticone, 3. Daì, 4. Pagliarulo, 6. Scognamiglio, 13. Fazio, 28. Pastore, 29. Rizzato, 32. Accardi;
‎CENTROCAMPISTI‬: 5. Scozzarella, 17. Barillà, 20. Coronado, 21. Nizzetto, 24. Raffaello, 27. Eramo, 30. Cavagna;
‎ATTACCANTI‬: 8. Montalto, 9. Torregrossa, 10. Petkovic, 18. Citro, 36. De Cenco.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi