Sarà presente anche quest’anno alla 5^ edizione di Cibo Nostrum l’Associazione Italiana Celiachia – Sicilia, partner del prestigioso evento gastronomico siciliano sin dal suo esordio. Una stretta collaborazione che vede da anni l’AIC, punto di riferimento di migliaia di celiaci nell’isola e in Italia, al fianco dell’Associazione Provinciale Cuochi Etnei, prima, e adesso della Federazione Italiana Cuochi, con un accordo di carattere nazionale.

“Ma soprattutto ci lega una profonda amicizia – spiega la presidente regionale di AIC Sicilia, Giuseppina Costa – con i cuochi del territorio ed in particolare con il presidente dei Cuochi Etnei e creatore di Cibo Nostrum, Seby Sorbello, a cui si aggiungono i tantissimi altri chef coinvolti nell’evento e tutti, dobbiamo ammettere, con una grande attenzione nei confronti del tema della celiachia”.

Dai cooking show ai corsi di aggiornamento, dall’Alimentazione Fuori Casa alle conferenze, dalle interviste a vere e proprie pubblicazioni con tanto di ricettario da parte di Chef stellati e professionisti: il gioco di squadra che AIC Sicilia e Cuochi Etnei hanno finora portato avanti è stato un crescendo, di anno in anno, di attività e di azioni concrete, dimostrando che le intolleranze alimentari si combattono innanzitutto con la cultura, la comunicazione ed il contino aggiornamento.

“Non possiamo che essere lieti di questa rinnovata collaborazione – dichiara Seby Sorbello, ideatore di Cibo Nostrum – e possiamo dire con felicità che ne eravamo anche certi. Siamo consapevoli, infatti, che eventi come questa grandiosa manifestazione, una vera festa per la gastronomia d’eccellenza, non possono che fare un gran bene anche a coloro che per decenni, purtroppo e con grande ignoranza, sono stati esclusi da certi contesti agroalimentari. Uno dei nostri motti, infatti, è quello che si può rinunciare al glutine, ma non si deve rinunciare al gusto”.

Durante le tre giornate: domenica 22, lunedì 23 e martedì 24 maggio, nelle quali si svolgerà Cibo Nostrum, tra Zafferana Etnea e Taormina, ci saranno, dunque, anche gli appuntamenti e i cooking show dedicati al mondo senza glutine, con firme prestigiose della cucina italiana, come ormai ci hanno abituato i cuochi FIC.

“Il tema di quest’anno dell’agroalimentare da approfondire – ricorda Pietro D’Agostino, altro prestigioso organizzatore dell’evento – sarà il pesce azzurro, a testimonianza di come si voglia sottolineare che il sano vivere nasce dalle abitudini a tavola. Anche quello della celiachia e del senza glutine è un tema che dev’essere sempre più approfondito da chi, come noi, lavora ogni giorno in cucina”.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi