CATANIA-Il 13, 14 e 15 maggio andrà in scena l’ultimo spettacolo della stagione di Teatroimpulso. Si tratta della commedia di Ray Cooney dal titolo: “Funny money” con la regia di Mario Guarneri.Foto di santo consoli

È il compleanno di Henry Perkins, un mite ragioniere, e la moglie Jean attende che rientri dal lavoro per festeggiare. Henry è in notevole ritardo e Vic e Betty, la coppia di amici invitati, stanno per arrivare. Ma in metropolitana Herry scambia la sua valigetta senza accorgersene. Arrivato alla stazione, la apre per prendere i guanti e si rende conto dell’errore, nella borsa ci sono 735.000 sterline. Eccitatissimo entra nel bagno di un pub e conta i soldi, una cifra che gli permetterebbe di vivere da nababbo. Convinto della provenienza illecita del denaro, senza scrupoli di coscienza, decide di tenerlo. Da quel momento la vita di Henry prende il ritmo frenetico della farsa, si sveglia in lui un intrepido avventuriero, tutto diventa possibile, basta pagare. Ogni cosa si ridurrà a una transazione economica, perfino l’amicizia e l’amore. Ma quanti di noi non vorrebbero correre questo rischio?

“Nella messa in scena abbiamo tenuto conto del fatto che Henry non è un personaggio cattivo e materialista – afferma il regista Mario Guarneri – È un semplice impiegato come tanti, assorbito talmente dalla routine quotidiana da non rendersi conto dei veri valori che lo circondano. Paradossalmente è proprio il possesso materiale che gli dà uno scossone e gli fa prendere consapevolezza del valore del mondo che lo circonda. Il ritorno del suo gatto segna questo punto di svolta, da quel momento in poi, Henry, guarderà con nuovi occhi la moglie, gli amici, la sua casa e perfino il pollo arrosto. Ritrovarsi in mano una valigetta piena di soldi provenienti da guadagni illeciti gli permette di mettere a tacere la sua coscienza e sentirsi autorizzato ad appropriarsene. Dopo lo shock iniziale, il denaro viene visto come una ricompensa arrivata dopo anni di frustrante lavoro. Henry comincia a sognare, tutto quello che prima non riusciva neanche a immaginare adesso diventa alla sua portata, il senso di potere è assoluto.  Ma nonostante la forte sollecitazione Henry, non cede mai all’egoismo, risultando in definitiva, con le sue debolezze, un personaggio simpatico nel quale tutti noi, chi più, chi meno, ci identifichiamo”.

In scena ci saranno: Rosario Santangelo, Nunzia Pruiti, Santo Consolo, Nicoletta Seminara, Luisa La Carrubba, Diego Milazzo, Irene Alì e Santi Castrovinci. Luci e audio: Marco Marangia.

 

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

A proposito dell'autore

Elisa Guccione

Passionale, grintosa ed innamorata del suo lavoro. Abbandona la carriera giuridica per realizzare il suo sogno: scrivere. Testarda e volitiva crede nella forza trascinatrice dei propri sogni e combatte per realizzarli. Sempre pronta con il suo inseparabile registratore a realizzare un’intervista. Si occupa di Teatro e Comunicazione da anni. Non ha paura delle sfide, anzi, la stimolano ad andare avanti.

Post correlati

Scrivi