Johannesburg. L’arrivo in Sud Africa dei dirigenti di Rai Italia, da lungo attesa, è stato particolarmente gradito ed apprezzato dalla intera comunità italiana.

L’ultima visita in Sud Africa è stata quella del Direttore Magliaro al seguito del Presidente Ciampi. In quella occasione, ebbi l’onore di essere presente alla firma del rinnovo del contratto tra Rai e Multichoice.

La RAI, per noi italiani, fa parte della esistenza in maniera essenziale. In particolare per gli anziani ed i pensionati che spesso non hanno altro nella vita che vedere i loro programmi RAI.

La Rai ci fa godere, la Rai ci fa soffrire, la Rai ci tiene aggiornati, la Rai ci porta l’Italia in casa. La RAI ci collega alla nostra madre terra. Spesso ci lamentiamo ma guai se ci dovesse mancare, anche per qualche ora.

Da quasi vent’anni mi occupo della installazione della Rai nelle case dei nostri connazionali e non solo. Tratto le problematiche tra la comunità e la ditta che trasmette la nostra Rai insieme ad altri programmi.

Per la venuta del Dott. Corsini e del Dott. Celsi ci siamo mobilitati tutti: il neo Console Generale Dott. Marco Petacco,  il Comites ed i Presidenti delle Associazioni Regionali, compresa la nostra Associazione Siciliana, sempre attiva.

Come Comitato, abbiamo organizzato l’incontro, a cominciare dal pranzo alla nostra Casa Italia, ovvero il Club Italiano di Johannesburg.

Il Direttore Corsini con garbo e linguaggio corretto, ha risposto puntualmente alle numerose domande, richieste e chiarimenti dei partecipanti.

La loro visita è stata breve, intensa e partecipata. Sabato mattina, il primo incontro è stato  con il Presidente della Dante Alighieri Cav. Gaetano Giudice (siciliano anche lui) e gli altri membri della Società. Successivamente al Circolo Italiano di Johannesburg. Una sala addobbata con il nostro tricolore. Gremita da oltre 150 connazionali nonostante il Sabato  a Johannesburg fosse la giornata meno adatta.

Sono stato io a introdurre l’incontro con un saluto di benvenuto agli ospiti illustri ed alla comunità. Ha quindi preso la parola il Console Generale  e poi il Dott. Corsini. Dopo il pranzo, si sono fatte tantissime domande al Direttore, circa il palinsesto, la programmazione ed i costi dell’abbonamento. In breve il Direttore ha risposto che: “Non siamo figli unici, ma parte di una grande comunità all’estero con problematiche simili”. Corsini è stato molto chiaro ed onesto nelle sue risposte, spiegando che non ha una bacchetta magica, ma conscio dei nostri problemi, ha promesso che si occuperà e farà del suo meglio per risolverli.

L’incontro si è concluso verso le ore diciassette e subito ci siamo trasferiti a Pretoria dove abbiamo avuto il piacere di assistere ad un concerto del Maestro Piovani. Una serata indimenticabile.

Interessante l’incontro con il nuovo Ambasciatore S.E. Donnici (siciliano anche lui) ed altri dignitari di quella circoscrizione.

L’indomani mattina, Domenica, gli ospiti sono  partiti per Città del Capo, accompagnati dal G.U. Riccardo Pinna del Comitato di Presidenza del CGIE,  accolti con entusiasmo dalla numerosa presenza della collettività italiana,  presente il presidente del Comites  Renato Fioravanti.

Dopo la introduzione del Console d’Italia Adolfo Tagliaferri  e  del consigliere Pinna, sono state riproposte da parte della Assemblea le stesse domande e le stesse problematiche di Johannesburg.

Il Direttore Corsini, con la correttezza di linguaggio che lo caratterizza ha detto:  “Ci sono cose che si possono fare, ce ne sono altre che stiamo cercando di fare, ce ne sono di impossibili da fare. Si può cambiare l’orario  di trasmissione dei cartoni animati per i bambini ma non si possono trasmettere  programmi i cui diritti  appartengono a soggetti diversi dalla Rai. Non si può uscire dalle linee guida fissate dalla convenzione  con il Governo italiano. Si sta discutendo  con Multichioiche  per studiare la possibilità di inserire Rai Italia oltre che nel pacchetto  di canali più costoso, anche in un pacchetto che costi meno. Si sta studiando di inserire un  secondo programma per il calcio per integrare  il palinsesto esistente,  la possibilità di inserire  via internet  i telegiornali ed altri programmi i cui diritti siano detenuti dalla Rai. Altro progetto quella della  sottotitolazione  dei programmi in inglese e in italiano per coloro che non conoscono bene l’una o l’altra lingua. Punto dolente la possibilità  di preventivare la registrazione di trasmissioni difficili da seguire in diretta”.  Corsini ha infine assicurato che il programma “Community” va nella direzione giusta avendo portato immagini ed argomenti degli italiani nel mondo su Rai3. Applaudito il discorso del consigliere del CGIE Riccardo Pinna, eletto  al Consiglio di Presidenza in rappresentanza dei paesi  anglofoni extra europei.

Lunedì il ritorno a Roma.

E’ stata una  visita fortemente apprezzata, soprattutto onesta per l’esame corretto dei problemi in una realtà certamente difficile che va a merito soprattutto del Dott. Corsini e del Dott. Celsi che hanno saputo cogliere  le accorate richieste della Assemblea ed in particolare  degli anziani in difficoltà per pagare gli abbonamenti.

Certamente c’è molto lavoro da fare ma il nostro impegno non mancherà. Grazie Rai, W l’Italia.  (Giuseppe Berinato – Sicilia Mondo)

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi