Daniele Lo Porto

 

CATANIA – Non ci sorprendiamo: non ci avevamo mai creduto. Il finale era ampiamente scontato: l’innesto che doveva portare alla fioritura del pistacchio rossazzurro non è riuscito. L’offerta dell’imprenditore-tifoso brontese Claudio Luca è stata respinta prima ancora di cominciare una vera e propria trattativa.

Così come aveva annunciato l’inizio delle operazioni con un comunicato, nello stesso modo l’imprenditore del pistacchio ha annunciato, urbi et orbi, di aver alzato bandiera bianca. Insomma, era iniziata male ed è finita presto: “A seguito dell’incontro avvenuto in data odierna tra i nostri consulenti dello Studio Sciuto e l’avvocato Salvatore Abramo, consulente incaricato dal Calcio Catania S.p.A., comunichiamo che questa società non considera sussistente alcuna condizione per avviare trattativa di qualsiasi tipo per l’acquisizione delle azioni costituenti il capitale sociale del Calcio Catania S.p.A. Da veri, sinceri e appassionati tifosi, auguriamo alla Società Calcio Catania S.p.A., ogni fortuna e successo nel prosieguo delle attività”.

Conclusione, a nostro avviso, che appariva già scontata, anche perché partita con piede sbagliato: riflettori accesi intempestivamente su una operazione che poteva svolgersi, almeno inizialmente, sotto traccia, poi scambio di comunicati al vetriolo sull’interpretazione del significato di “credenziali bancarie” e, quindi, un incontro che è facile immaginare – anche se si è svolto senza testimoni e né potrà essere confermato o smentito dagli interessati – non deve essere stato all’insegna della massima disponibilità.

Al di là dell’acquisizione del titolo sportivo, valutato probabilmente intorno ai 2 milioni di euro, il problema più rilevante è il futuro di Torre del grifo, che costerà, di solo mutuo, 22 milioni di euro nei prossimi 5 anni. Un impegno tutt’altro che indifferente, soprattutto per un club di Lega pro, con introiti assolutamente insignificanti.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi