“Da troppo tempo troppi genitori attendevano di sapere cosa sarebbe stato dei propri figli disabili quando loro non avrebbero più potuto occuparsene. Finalmente siamo riusciti a fornire una risposta, che è garanzia di tranquillità per moltissime famiglie e una testimonianza di umanità e civiltà da parte di quanti hanno fortemente voluto, insieme a noi, migliorare le condizioni di vita di chi è affetto da una disabilità grave”. Così il coordinatore del Ncd in Sicilia, on. Giuseppe Castiglione, sull’approvazione da parte della Camera, in terza lettura e con 312 voti a favore, del via libera definitivo al ddl “Dopo di noi”, provvedimento sostenuto da Area Popolare e mirato a migliorare le condizioni di vita delle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare mediante uno stanziamento ad hoc di 270 milioni in tre anni, più case-famiglia e meno istituti, maggior peso alla volontà della persona disabile e detrazioni fiscali.
“La possibilità di residenza a domicilio e non negli istituti, insieme a una adeguata assistenza sociale, è motivo di grande speranza – prosegue – per chi vive grazie alle cure dei propri familiari e rischia, al momento della loro scomparsa, di rimanere solo e trascurato. Al contempo, le famiglie che si prendono cura di un parente disabile non vivranno più nell’angoscia di cosa sarà del proprio caro dopo di loro. Con questa legge abbiamo fatto un grande passo in avanti nell’ottica del benessere, dell’autonomia e dell’inclusione sociale delle persone con disabilità grave, spesso ‘visibili’ solo agli occhi di chi li ama e li accudisce, ma troppo spesso dimenticati – conclude – da chi dovrebbe prendersi cura di loro con un welfare adeguato”.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi