Dopo i successi di Francia e Belgio, oggi alle ore 20 nella suggestiva cornice del seicentesco chiostro minore del Museo Salinas, Paolo Zarcone e Véronique Gillet presenterano  per la prima volta a Palermo – lo spettacolo musicale “Musiques pour relever la tête” (musiche per risollevare la testa), un progetto musicale che è anche diventato un doppio CD, un album profondo che scivola leggero attraverso le poesie più “intime” di Ignazio Buttitta, le armonie di Gillet e la voce di Zarcone. Ingresso gratuito fino a esaurimento posti.

Il concerto, la cui durata complessiva è di circa 60 minuti, si compone di due parti: la prima dedicata allepoesie di Buttitta musicate da Véronique Gillet e interpretate da Paolo Zarcone, inclusi brani per chitarra solista di Véronique Gillet; la seconda dedicata alle cantate da cantastorie di Paolo Zarcone con accompagnamento alla chitarra di Véronique Gillet. Il concerto ha debuttato nell’ottobre 2011 presso il centro culturale L’AnVert di Liegi e ha avuto numerose repliche presso l’antica Abbazia di Stavelot, l’antico Castello di Rahier, il Centro Culturale di Seraing (in occasione del Festival “Tarantella Qui! 2013”), il Musée de la vie wallone (all’interno della programmazione “Les Estivales 2015”).

  • Paolo Zarcone è un apprezzato cantastorie siciliano di ultima generazione; il suo repertorio ripropone nelle piazze italiane ed estere l’antica arte dei cantastorie.
  • Véronique Gillet è una chitarrista e compositrice belga con uno straordinario percorso musicale che l’ha condotta dai canti popolari dei suoi vicini di casa immigrati italiani e spagnoli ad Alberto Ponce (Spagna), a Egberto Gismonti (Brasile), a Leo Brouwer (Cuba), a Fernando Freitez (Venezuela), a Charles Ewanje (Camerun), a Giovanna Marini (Italia), a Sandor Szabo (Ungheria), a Peter Finger (Germania) e a molti altri. Alcuni anni fa i due s’incontrano e Véronique mette in musica per la voce di Paolo alcune poesie di Ignazio Buttitta, con la profondità e la sensibilità che soltanto lei riesce a raggiungere.
  • La clip è stata realizzata da Giusi Garrubbo.
Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi