USTICA – L’Istituto di Calcolo e Reti ad Alte Prestazioni del Consiglio Nazionale delle Ricerche con sedi a Rende, Napoli e Palermo, uno dei più grandi Istituti di tecnologie ICT del CNR e l’unico Istituto di “Ingegneria Informatica” del sud Italia, nell’ambito del proprio workshop annuale, ormai giunto alla sua XIV edizione, organizza una giornata di studi sul tema delle tecnologie ICT (information and communication technology) per la salvaguardia delle risorse marine.

Quest’anno l’ICAR organizza il proprio workshop da oggi fino al 29 giugno ad Ustica e contribuisce così alle celebrazioni del trentennale dell’istituzione dell’Area Marina Protetta dell’Isola siciliana.

L’appuntamento più importante è per domani a partire dalle ore 9.30, nella sala congressi del Comune di Ustica, per una giornata di lavoro che vedrà la partecipazione di Attilio Licciardi, sindaco di Ustica, di Antonello Cracolici, Assessore Regionale dell’Agricoltura, dello Sviluppo Rurale e della Pesca Mediterranea, di Antonio Maturani, dirigente del Ministero dell‘Ambiente, di Salvatore Livreri Console, direttore dell’AMP Isola di Ustica, di Bernardo Patti, ricercatore dell’IAMC – CNR e di Giuseppe De Pietro, direttore dell’ICAR – CNR.

Nella seconda parte delle giornata, ancora un parterre di ospiti prestigioso e competente animerà la tavola rotonda dal titolo: “Le tecnologie ICT per la valorizzazione delle risorse marine: Strategie ed opportunità”. Al tavolo siederanno Francesco Beltrame, presidente dell’ENR, Mario Dogliani del RINA, Fabrizio Atzori, direttore dell’Area Marina Protetta di Capo Carbonara (Ca), il CV (CP) Gaetano Martinez, Comandante della Direzione Marittima di Palermo, Claudio Lugni, primo ricercatore dell’INSEAN – CNR e Alfonso Urso, responsabile della sede di Palermo dell’ICAR – CNR.

La giornata si concluderà con la firma congiunta di un protocollo di intesa tra il Comune di Ustica e l’Istituto di Calcolo e Reti ad Alte Prestazioni. Oggetto dell’intesa è la realizzazione di un primo progetto di ricerca per l’individuazione automatica delle intrusioni dei pescatori di frodo nelle diverse zone della Area Marina Protetta mediante telecamere ad infrarosso e nel visibile. Il sistema utilizzerà tecniche di elaborazione di immagini estremamente sofisticate per individuare i passaggi e gli stazionamenti nelle diverse zone dell’AMP di imbarcazioni non autorizzate. Grazie alle telecamere all’infrarosso il sistema potrà essere operativo 24 su 24 e senza la presenza di operatore umano.

“Come direttore dell’ICAR – dice Giuseppe De Pietro –  mi auguro, e il mio impegno sarà in questo senso, che questo protocollo di intesa con il Comune di Ustica, sia solo un primo passo per una collaborazione fattiva e duratura. L’ICAR, il sindaco di Ustica e il presidente della AMP, sono già da adesso impegnati ad estendere questa collaborazione ad ulteriori soggetti istituzionali come il Ministero dell’Ambiente e l’Assessorato alla Pesca della Regione Sicilia, per meglio affrontare un problema complesso e multidisciplinare come la tutela e la conservazione delle risorse del nostro mare”. 

“Investire in innovazione e ricerca significa scommettere sul futuro – dichiara l’assessore Antonello Cracolici –. Il lavoro di ricerca scientifica portato avanti dall’ICAR – CNR è di importanza strategica per la Sicilia. Il nostro mare custodisce un tesoro di biodiversità unico al mondo che abbiamo il dovere di preservare. Il valore della conoscenza ci permette di percorrere strade inesplorate e di scoprire nuovi approcci per ridurre l’impatto  negativo dell’uomo sulla natura.”

“Ustica, con la sua Area Marina Protetta, è pronta a fare la sua parte – afferma il sindaco di Ustica, Attilio Licciardi –. La contemporanea presenza di diversi istituti del CNR, del Ministero dell’Ambiente, dell’Assessore Regionale dell’Agricoltura e della Pesca è garanzia di un confronto serrato e concreto sul tema della salvaguardia delle risorse del mare e sul contributo della tecnologia per innovare e far sviluppare questo settore”.

L’evento è organizzato dall’ ICAR-CNR con il patrocinio della Regione Siciliana, Assessorato Regionale dell’Agricoltura, dello Sviluppo Rurale e della Pesca Mediterranea, del Comune di Ustica e dell’Area Marina Protetta Isola di Ustica.

Site: www.icar.cnr.it

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi