ACIREALE – I Carabinieri della Stazione di Acireale (CT) a conclusione di una delicata ed articolata attività di indagine, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Catania, hanno arrestato il 43enne, acese, Concetto Marino, pluripregiudicato, accusato di atti persecutori, evasione e danneggiamento. Le indagini sono partite dalle querele presentate dalla vittima, una donna di 50 anni, residente ad Acireale e conoscente dell’arrestato, che si era rivolta, disperata, ai carabinieri denunciando i suoi atti persecutori.

Marino, intenzionato ad allacciare una relazione sentimentale, nel vedersi  respinto, nonostante fosse sottoposto agli arresti domiciliari, non lesinava telefonate e messaggi  di minaccia verso la donna ed i suoi familiari, evadendo di notte anche dal domicilio, per danneggiare l’auto della  vittima e lasciare manoscritti dal contenuto delirante. Le investigazioni, condotte attraverso l’analisi delle numerose telefonate e degli sms intimidatori ricevuti dalla vittima e dai suoi familiari, hanno consentito di acquisire un solido quadro probatorio contro il persecutore. Il Giudice, facendo proprie le prove raccolte dai militari dell’Arma, avallate preliminarmente dal P.M. titolare delle indagini, ne ha ordinato l’arresto  e la reclusione nel carcere di Catania Piazza Lanza.

 

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi