TRAPANI – La Direzione investigativa antimafia di Trapani ha sequestrato beni per oltre 5 milioni all’imprenditore Vito Di Giorgi e al suo nucleo familiare.
Di Giorgi, imprenditore nei settori edile ed immobiliare, è indiziato di mafia. Già nel luglio del 1996 il Tribunale di Trapani, ritenendolo socialmente pericoloso, lo ha sottoposto alla sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel comune di residenza, per quattro anni, ridotti a tre in appello. Ora è indiziato di aver trasferito a terzi, attraverso una serie di operazioni finanziarie, immobiliari e societarie, con la complicità dei propri familiari e di alcuni professionisti, parte rilevante del patrimonio immobiliare della Simed s.r.l., società con sede Mazara del Vallo (Tp), il cui capitale sociale era già, in parte, sottoposto a confisca di prevenzione.
Dagli accertamenti economici e reddituali hanno accertato l’esistenza di un patrimonio il cui valore è risultato sproporzionato rispetto al reddito dichiarato.
Cinque appartamenti tra i beni sequestrati, due fabbricati industriali; un magazzino; tre lotti di terreno; otto depositi bancari e l’intero capitale sociale ed il compendio aziendale di cinque società di capitale.
Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi