CATANIA  – “Anche in questo fine settimana proseguirà nello stabilimento StM di Catania la protesta dei lavoratori, con uno sciopero che finora ha toccato punte di adesione superiori al 70 per cento. La scelta della rappresentanza sindacale-Rsu Fiom e Uilm è condivisa dal personale di StM anche al di là e al di sopra delle aspettative delle organizzazioni sindacali e dimostra il forte malcontento per una gestione delle risorse umane incapace di recepire persino le esigenze più ragionevoli e motivate”. Lo afferma il segretario provinciale Uilm, Matteo Spampinato, che aggiunge: “Attorno a rivendicazioni giuste si sono compattate nell’ultimo periodo tutte le componenti sindacali presenti nello stabilimento,unite nel chiedere all’azienda il rispetto degli accordi firmati e una seria interlocuzione che risolva i tanti problemi accumulatisi nel tempo oltre a una gestione del personale più attenta a creare condizioni finalmente serene di lavoro”. Il segretario Uilm conclude: “Ribadiamo la nostra disponibilità a discutere con l’azienda e trovare soluzioni, ma ci meraviglia che il management di StM Italia con l’amministratore delegato Carmelo Papa non sia ancora intervenuto per imporre un cambiamento di linea aziendale utile solo a danneggiare lo stabilimento e chi vi lavora”.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi