ADRANO – Agenti del Commissariato di Adrano, alle prime luci dell’alba di ieri, hanno arrestato il trentaduenne adranita S.G. per lesioni e maltrattamenti in famiglia. L’allarme è scattato alle 5.30 del mattino quando una telefonata al 113 ha avvisato la Sala operativa del Commissariato di quanto stava succedendo. I poliziotti si sono trovati davanti una donna col volto tumefatto dalle botte ricevute dal marito, il quale pare abbia agito per futili motivi, utilizzando persino un vaso come arma per colpire la vittima. Il tutto davanti agli occhi dei figli minori. Nonostante lo stato d’agitazione, l’uomo è stato immediatamente bloccato, ammanettato e, dopo le formalità di rito, condotto in carcere.

 

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi