Al via la XIV edizione del Blues & Wine Soul Festival, considerato il più grande wine music festival del mondo, che partirà questa sera da Piazza Castello, aBLUES PALCO Castelbuono, con la Super Blues & Soul Band, la grande band di Joe Castellano. In questi primi 14 anni di Sicilia e di tappe in tutta Italia, grandissimi successi musicali e meravigliose scoperte vinicole e gastronomiche in luoghi incantevoli dell’isola e del resto dello stivale. Per quest’anno è stata prevista una stupenda novità: prima e durante il concerto della Super Blues & Soul Band, infatti, sono previste deliziose degustazioni di 5 grandi aziende del Vino (Patrì, Gorghi Tondi, Banfi, Avide e Feudo Principe di Corleone) che, con le loro “bollicine”, contribuiranno a rendere ancora più gioiosa l’atmosfera già solitamente caldissima dei concerti di Joe Castellano .

Nelle successive tappe del Festival si aggiungeranno altri partner vinicoli di eccellenza come : Carlo Hauner, Feudo Disisa (premiato al Vinitaly come miglior Bianco Edizione 2016), Alessandro di Camporeale, Alagna Vini ed altre selezioni delle eccellenze siciliane e non, che regaleranno, insieme ai protagonisti del Food, caldi sapori e travolgenti emozioni in un happening di grande suggestione. Ulteriore novità di quest’anno la rafforzata presenza di Slow Food nelle varie serate, che con diversi presidi porterà accanto ai vini primi menzionati, alcuni dei migliori formaggi Doc siciliani .

BLUESSe la 4 giorni di Castelbuono sarà l’inizio del Blues & Wine di quest’anno, ad esso seguiranno il concerto di Isola delle Femmine (2 Agosto Arena Di Maggio), la spettacolare serata del 4 Agosto all’Aquaselz di S.Leone (Agrigento), mentre il 5 Agosto ci si sposterà nello splendido palazzo barocco del Principe Nicolaci di Villadorata a Noto e il 6 Agosto nei Giardini del “Match Ball” di Siracusa. Il 7 Agosto sarà la volta della splendida terrazza sul mare dell’Hotel Carasco di Lipari, mentre l’8 Agosto si terrà la “Notte della Malvasia”, nel centro di Malfa (Salina). Seguiranno le tappe di Gela, Trabia (Castello Lanza Branciforte) e della incantevole Scala dei Turchi di Realmonte (Terrazze del Madison).

Quest’anno insieme a Joe Castellano saliranno sul palco il cantante Gordon Metz e lo straordinario chitarrista James Owens, ma anche nuovi ospiti come la storica voce maschile del Soul italiano di Giulio Todrani, leader della band “Io vorrei la pelle nera”, in arte Alan Soul e padre e maestro della famosissima cantante Giorgia. Accanto a loro, tra le news, anche il bravissimo percussionista cubano Reynaldo Basulto.

Joe Castellano

Joe Castellano

“Abbiamo presentato questa nuova bella formula dei Gran Galà, in luoghi di grande fascino e charme, nella scorsa primavera al Vinitaly – ha dichiarato il presidente e direttore artistico Joe Castellano – ed è quella che intendiamo perseguire per il futuro. La Sicilia e l’Italia intera si trovano in un momento economico difficilissimo e di conseguenza anche la Cultura che, diversamente da quello che viene sbandierato da certe Istituzioni, ogni giorno viene vessata ed umiliata dalla politica e dalla pubblica amministrazione nazionale e regionale. Noi siamo consapevoli di avere creato un Festival Internazionale ed ancora prima una grandissima Band, che ormai sono conosciuti in tutto il mondo. Abbiamo voluto diffondere la migliore cultura musicale in tutta Italia ed abbiamo di certo creato un grande spot per il mondo del Vino e per il Turismo, soprattutto siciliano. La formula delle “1000 Bottiglie”, che abbiamo ideato quest’anno a sostegno delle serate del Festival, sta riscuotendo grandissimo successo e può rappresentare un importante chiave di volta in futuro per il Festival stesso e per le aziende vinicole che la sottoscrivono assieme a Noi. Vista la disastrosa situazione dei Comuni e delle Regioni, adesso vediamo non solo svanire certe importanti collaborazioni con i territori, ma ci troviamo pure ad essere pesantemente penalizzati da certe amministrazioni, per la grandissima attività svolta. Evidentemente in Italia investire e fare cultura è una grave colpa ancora e non si vuole concretamente realizzare quel sostegno alle attività culturali, che l’attuale Governo vorrebbe si realizzasse. A Castelbuono, come nelle altre tappe, sarà ancora una grandissima festa, che spesso condividiamo ormai da parecchi anni con tanti amici e quest’anno anche con Slow Food”.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi