CATANIA – Le guide turistiche entrano nel Sistema Confcommercio. Dopo gli albergatori, il settore della ristorazione, le imprese ricettive dell’aria aperta (camping e villaggi turistici), il comparto dei lidi balneari, si completa così il quadro del settore turismo. Alla presenza del presidente regionale di Confcommercio Pietro Agen è stato Pietro Ambra, presidente dei Giovani Imprenditori Confcommercio Catania a dare il benvenuto a Giusy Belfiore, che del nuovo sindacato sarà la coordinatrice, e le guide intervenute.

“ Le guide turistiche – ha detto Pietro Ambra – giocano un ruolo strategico per il turismo e daranno un ulteriore contributo alla crescita del nostro Sistema. Già nel progetto Ospitalità diffusa e marketing territoriale, incentrato fortemente sulla valorizzazione dei siti Unesco e dei suoi itinerari, avevamo apprezzato il contributo dell’ associazione Guide Turistiche alla nostra iniziativa e della visione del comparto di Giusy Belfiore ed abbiamo percepito il grande valore che questa categoria  è in grado di dare alla filiera del Turismo. Quindi, grande soddisfazione personale e del Gruppo Giovani Imprenditori di Confcommercio Catania per avere ispirato l’adesione delle guide turistiche a Confcommercio e la nascita di Confguide Catania”.

L’organismo che raggruppa le guide turistiche è già presente in ambito nazionale e la nascita di Confguide a livello provinciale è propedeutica alla creazione di una federazione regionale. Come ha ribadito il presidente di Confcommercio Sicilia Agen: “Oggi inizia un percorso all’interno del Sistema per completare il quadro del comparto turistico con una categoria fondamentale perché gestisce il rapporto umano con l’utenza finale. Le guide turistiche non solo hanno conoscenza approfondita del territorio ma hanno uno stretto rapporto con il turista. L’obiettivo è quello di lavorare in stretta sinergia per puntare al miglioramento dell’accoglienza”.

E proprio delle falle nell’accoglienza ha parlato Giusy Belfiore, guida turistica con grande esperienza, da tempo alla guida dell’Associazione Guide Turistiche della Provincia di Catania, costituita nel 1991 e ad oggi con 67 soci, chiamata a coordinare Confguide.

“Crediamo molto nella nostra azione – ha affermato la Belfiore -, quella di interfacciarsi con l’utente: siamo il termometro del prodotto turismo, proprio per questo dobbiamo trasformare in punti di forza quelle debolezze che ancora oggi si riscontrano nel sistema. Non bastano più sole e mare, i beni architettonici e paesaggistici di cui è ricca la nostra isola, dobbiamo migliorare l’accoglienza, conoscere le lingue per far sentire a proprio agio il turista, incrementare i servizi per rendere indimenticabile la sua vacanza e farlo tornare”.

 

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi