Di Elisa Guccione

CATANIA- “Il lavoro dei miei ragazzi, gli abiti e ogni particolare del progetto culturale di quest’anno in nome di Agata è dedicato al collega prematuramente scomparso Aldo De Lorenzo”.

Ph Umberto Costa

Ph Umberto Costa

Così Liliana Nigro, dall’elegante cornice del Museo Diocesano, annuncia ai numerosi presenti la quattordicesima mostra “Agatamente Agata”, che sarà inaugurata il due febbraio sempre nei locali del museo diocesano. Scopo del’iniziativa, promuovere e diffondere lo spirito cristiano della fratellanza e della solidarietà ponendo Agata come modello di vita da seguire ed imitare.

Un evento culturale organizzato dall’Accademia di Belle Arti su idea della professoressa Liliana Nigro e patrocinato dal Comune di Catania, con il sostegno di Maison Du Cochon, Gianni Belebung, Show business Catania, Nino Manuli Exspress e Agostino Zanti parrucchieri.

ph Umberto Costa

ph Umberto Costa

Hanno animato la tavola rotonda, coordinata da Daniele Lo Porto, segretario provinciale Assostampa sindacato unitario dei giornalisti, Virgilio Piccari, direttore dell’Accademia di Belle Arti, Liliana Nigro, docente dell’Accademia di Belle Arti, Orazio Licandro, assessore alla bellezza e ai saperi condivisi, Giuseppe Idonea, Responsabile delle Relazioni esterne del Comune di Catania e direttore Cunes Comuni Unesco Sicilia, Alfia Milazzo, presidente Fondazione Città Invisibile, Vera Ambra, presidente Associazione Akkuaria,  e i ragazzi dell’Accademia di Belle Arti autori dei costumi che saranno esposti nei locali del museo diocesano dal 2 al 6 febbraio. Presenti all’incontro anche il soprano Daniela Rossello, la quale si esibirà durante la serata d’inaugurazione e il direttore artistico dell’associazione culturale “Incanto Mediterraneo”.

“Manifestazioni ed eventi di questo tipo hanno il diritto e il dovere di essere diffusi – spiega l’assessore Orazio Licandro – e il Comune di Catania si prefigge lo scopo di sostenere e supportare lodevoli iniziative come queste”.

Ph Umberto Costa

Ph Umberto Costa

Dello stesso parere Giuseppe Idonea che aggiunge: “Non è vero quando si dice che con la cultura non si mangia, perché solo l’informazione e il sapere possono migliorare la nostra società e cambiare la difficile situazione che stiamo vivendo”.

Emozionante il momento animato dai giovani musicisti dell’Orchestra Falcone e Borsellino,  i quali hanno incantato la platea con ben due esibizioni musicali.
Numerose associazioni culturali come i Lions Club di Trecastagni, Misterbianco, Acitrezza Verga, Ordine Constantiniano di rito orientale e Associazione Troinese Imakera, le quali hanno aderito al progetto sostenendo la manifestazione con una borsa di studio, che sarà assegnata il giorno dell’inaugurazione agli studenti più meritevoli.

Ph Umberto Costa

Ph Umberto Costa

Padrino della manifestazione il cantautore ennese Mario Incudine.
A conclusione dell’incontro, con il sottofondo musicale dell’ultimo album di Mario Incudine “Italia Talia, il pubblico presente ha avuto la possibilità di poter ammirare una piccola parte della collezione degli abiti dedicati alla Santuzza creati dalla Maison Du Cochon.

Inoltre, nei giorni dedicati alla mostra sarà possibile poter acquistare il calendario artistico dedicato a Sant’Agata del fotografo Giuseppe Lo Presti, il cui ricavato sarà devoluto all’opera missionaria di Padre Mario Sirica.

Elisa Guccione

A proposito dell'autore

Passionale, grintosa ed innamorata del suo lavoro. Abbandona la carriera giuridica per realizzare il suo sogno: scrivere. Testarda e volitiva crede nella forza trascinatrice dei propri sogni e combatte per realizzarli. Sempre pronta con il suo inseparabile registratore a realizzare un’intervista. Si occupa di Teatro e Comunicazione da anni. Non ha paura delle sfide, anzi, la stimolano ad andare avanti.

Post correlati

Scrivi