ACI S. ANTONIO – La compagine amministrativa a sostegno dell’amministrazione Caruso ad Aci S. Antonio, determina anche il rappresentante della minoranza in seno al collegio dei Revisore dei Conti. Viene così prevaricato il diritto della minoranza a eleggere un proprio rappresentante, cosa senza precedenti nella storia del Comune.
Con l’elezione del dott. Torrisi da parte di 12 consiglieri di maggioranza si toglie all’opposizione la possibilità di eleggere un revisore che sia di garanzia e di controllo sull’attività amministrativa della giunta Caruso, specie nel momento particolarmente difficile che attraversa l’Ente in seguito alla scellerata scelta di dichiarare dissesto.
Evidentemente l’amministrazione comunale non vuole essere controllata, in omaggio alla tanto predicata trasparenza prima da Caruso  (da consigliere comunale) e poi sbandierata in campagna elettorale, ma poco praticata dall’attuale amministrazione
“Ricordo che quando ero io in maggioranza,nel 1995 eleggemmo il revisore Giuseppe Rocca rappresentante della sinistra, che all’epoca non aveva consiglieri” afferma il consigliere Alfio Puglisi a nome della minoranza, che continua: “con la votazione di ieri si palesa quello che già intuivamo da tempo, ovvero che il cons. com. Adorno è organico all’amministrazione. L’inciucio è ora ufficiale.

Scrivi