ACIREALE – Grande festa ieri ad Acireale presso il Teatro dell’Opera dei Pupi, suggestivo palcoscenico per la presentazione della mostra “Come il cinema promuoveva se stesso: locandine d’epoca della Cineteca Griffith di Genova” che ha inaugurato la tredicesima edizione di Magma, mostra di cinema breve.

10409503_10203083504068126_2823904229069969291_nVenti locandine di grandi classici della commedia italiana e di film meno noti, con attori che hanno fatto la storia e registi altrettanto importanti, prodotti dagli anni ’20 agli anni ’70 hanno tappezzato il Teatro e saranno esposte fino al termine del Festival, il 22 Novembre. Un tuffo nel passato reso possibile dalla Cineteca Griffith di Genova, che ha “prestato” le locandine agli organizzatori. Un omaggio, quello di Magma, alla grande storia del cinema italiano in vista di una settimana ricca di iniziative.

10690082_10203083501188054_8010676694137500332_nTante novità per Magma, quest’anno, a partire dal Premio che verrà assegnato dal pubblico al corto più votato. Le proiezioni dei corti presso il Cinema Multisala Margherita sono previste dal 20 al 22 Novembre.

“Un evento fortemente voluto e supportato dal Comune – ha commentato il sindaco Barbagallo, presente all’inaugurazione – Sappiamo che in questo momento la situazione non è facile per quanto riguarda il bilancio di Acireale, ma eventi come Magma – mostra di cinema breve, sono una spinta per la nostra economia. Infatti verranno nel nostro paese persone da fuori e questo è un fattore da non sottovalutare. Ben vengano iniziative come questa, che diano lustro ed offrano una vetrina affascinante non solo di Acireale, ma di Catania tutta”.

Il ricordo, anche per questa edizione, va sempre a Lorenzo Vecchio, primo direttore artistico di Magma e fondatore dell’Associazione culturale Scarti, rappresentata ieri dal suo attuale presidente, Sebastiano Vecchio. “Ciò che mi preme maggiormente sottolineare è il valore formativo di quest’evento, e non solo quello culturale. Recente la prima tesi di laurea su questa importante mostra, simbolo dell’importanza che negli anni la manifestazione ha assunto”.

 

 

Scrivi