Anche quest’anno Timpaviva colora le Chiazzette. La manifestazione organizzata dall’associazione culturale Barock con il patrocinio del Comune di Acireale e del Dipartimento regionale dello Sviluppo Rurale e Territoriale, giunta alla VII edizione, come ogni anno si svolge nel sentiero che collega la città alla frazione di Santa Maria la Scala, portando l’arte in uno dei luoghi più suggestivi e conosciuti del territorio acese. Musica, pittura, disegno e fotografiaallietano i tre giorni di Timpaviva, nel pieno rispetto della natura e della Riserva Naturale della Timpa. Particolare curiosità ha destato durante la prima giornata la presenza di un gruppo di associazioni (tra cui il circolo ARCI Babilonia, La Putia del Bene Comune, Libera e il centro Sprar “Il Nodo”) che portano avanti un progetto di integrazione dei richiedenti asilo denominato Il Mondo a Casa Tua.

image-12-09-15-06-06

Prendendo spunto dallo speed date, i visitatori di Timpaviva hanno potuto partecipare a “4 chiacchiere con te”, un gioco in cui si ha la possibilità di trascorrere 4 minuti dialogando con alcuni dei richiedenti asilo ospiti ad Acireale, in modo da favorire l’integrazione multiculturale e mostrare che le differenze, qualora presenti, sono una risorsa è mai un problema. Molto soddisfatti anche gli artisti, nella stragrande maggioranza giovani, che hanno avuto la possibilità di esporre le loro creazioni e farsi conoscere dal pubblico, confermando che Timpaviva rappresenta anche un’ottima occasione per mostrare tutto il talento artistico presente ad Acireale e dintorni. La manifestazione durerà fino a domenica, offrendo ogni giorno diverse e variegate attrazioni, dall’animazione per bambini alla musica live e al cabaret. Una grande possibilità per tutti di divertirsi imparando a convivere con il territorio che ci ospita, mettendo in luce uno dei luoghi in cui troppo spesso durante il resto dell’anno è facile trovare il degrado e l’incuria. Sperando che chi di dovere noti la bellezza del luogo e faccia il possibile per mantenerlo sempre vivibile.

Giuseppe Marano

Scrivi